Venerdì 27 Gennaio 2012

Pontida, 36enne padre di tre figli
stroncato da un malore in strada

Un uomo di 36 anni di Almenno San Bartolomeo, Oscar Capitanio, è morto stamattina, venerdì 27 gennaio, a Pontida per un improvviso malore. L'imbianchino, padre di tre figli piccoli, si è sentito male in via Fratelli Kennedy, mentre era su furgone. È intervenuto il 118, ma non c'è stato nulla da fare.

È successo alle 9: il 36enne stava guidando il suo furgone per recarsi al lavoro quando in via Fratelli Kennedy deve essersi sentito male. L'imbianchino ha accostato e si è fermato. Deve essere stata la sua ultima azione. Un passante ha notato l'uomo semisdraiato sul furgone e ha subito lanciato l'allarme.

È intervenuto il 118 di Ponte San Pietro, lo staff medico ha tentato di rianimare l'uomo, ma non c'è stato nulla da fare. Oscar Capitanio era già morto. La salma è stata trasferita ad Almenno San Bartolomeo. L'imbianchino abitava con la famiglia in via Resistenza, nella zona delle cascine. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Cisano Bergamasco per i rilievi del caso.

Oscar Capitanio aveva 36 anni e abitava con la famiglia in via Resistenza ad Almenno San Bartolomeo. Lascia nel dolore la moglie Sara Panza e tre figlioletti – Loris, Kevin e Daniel – di 7, 5 e 3 anni.

Il funerale sarà celebrato lunedì mattina, alle 10, nella chiesa parrocchiale di Almenno San Bartolomeo.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata