Lunedì 08 Aprile 2013

Via ai lavori sull'Asse interurbano
Con una sola corsia è subito coda

Gli automobilisti e i camionisti che fanno i pendolari sull'Asse interurbano, soprattutto nel tratto tra Bonate Sopra e Treviolo (e viceversa), hanno subito dovuto armarsi di pazienza. I lavori di asfaltatura hanno portato subito code interminabili.

Sono partiti, e dureranno un mesetto,  i lavori per il rifacimento del fondo stradale, diventato quasi impraticabile a causa delle buche, ragion per cui da tempo si viaggia a 50 all'ora.

Per questo mese, quindi, si ritornerà un po' ai tempi in cui questa importante opera si era fermata sul ponte del fiume Brembo, prima di proseguire fino alla provinciale 155 (Ponte San Pietro-Capriate San Gervasio) a Bonate Sopra, poi a Mapello e nel 2010 finalmente fino alla ex statale Briantea.

Le code sulle provinciali dell'Isola e nei paesi vicini erano ormai diventate un pallido ricordo, perché l'Asse interurbano aveva risolto almeno in parte i problemi viabilistici di questa zona. Ma ora per i 35.000 utenti dell'Asse si è aperto un mese di passione, con l'auspicio però che questo risolva in modo definitivo i problemi connessi alle condizioni del fondo stradale.

Domenica sera 7 aprile alle 21 sono partiti i lavori in direzione Bonate-Lecco, sulla corsia di marcia lenta: si viaggia dunque solo sulla corsia di sorpasso nel tratto tra Treviolo e Bonate. Ingresso chiuso, inoltre, dalla Dalmine-Villa d'Almè. E lunedì sera, stessa ora, il cantiere arriva pure nella direzione opposta, verso Bergamo, con relativa chiusura della corsia di marcia lenta e dell'ingresso da Bonate Sopra.

Quest'ultimo aspetto viene evidenziato da alcuni Comuni dell'Isola, tra cui Bonate Sopra stesso, che mettono l'accento sul problema della chiusura della corsia di immissione alla galleria San Roberto in direzione Bergamo. Il suggerimento è di tenere aperta almeno una corsia, per far defluire una parte del traffico.

È chiaro infatti che gli automobilisti cercheranno altre vie per raggiungere soprattutto Bergamo e i paesi vicini. Il più colpito rischia di essere Bonate Sopra: è probabile che per raggiungere altre entrate dell'Asse (Terno d'Isola o Locate di Ponte San Pietro) i veicoli transitino nel centro del paese: via San Rocco, via Nullo, via Roma e un tratto di via Como.

Leggi di più su l'Eco di lunedì 8 aprile

m.sanfilippo

© riproduzione riservata