Lunedì 24 Agosto 2009

Mercoledì tornano le bancarelle
Sul Sentierone 85 espositori

Sul Sentierone, tradizionale via del rituale del passeggio cittadino, sono pronte a sbarcare anche quest’anno le bancarelle di Sant’Alessandro per festeggiare il patrono di Bergamo con un colorato “serpentone” di espositori.

L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Bergamo, nasce dalla volontà degli ambulanti aderenti ad Ascom – Fiva (Federazione italiana venditori ambulanti) e Confesercenti – Anva (Associazione nazionale venditori ambulanti), di animare il centro cittadino vestendolo a festa, nel giorno dedicato a Sant’Alessandro.

L’appuntamento, giunto alla quarta edizione, è pronto a replicare il successo degli anni passati, con una sfilata di 85 espositori, pronti a tener banco dalla mattinata alla tarda serata festiva di mercoledì, da Largo Gavazzeni al Sentierone, fino a Piazza Matteotti. Non mancano alcune piccole novità, come il concorso a premi pronto ad intrattenere chi sceglierà di fare acquisti in tutte le bancarelle della fiera: i clienti riceveranno una scheda con cui sfidare la fortuna, partecipando all’estrazione in serata di dieci telefonini cellulari.

Mauro Dolci, presidente provinciale Fiva, commenta con orgoglio l’iniziativa: “Grazie a questa manifestazione siamo sempre riusciti ad animare il centro, mantenendo viva la tradizione della festa patronale. Una ricorrenza un tempo molto attesa e celebrata in grande- come attestano antiche stampe, con ritratti della fiera di Sant’Alessandro- ma con gli anni sempre più caduta nel dimenticatoio. Contiamo di continuare ad allietare il centro della città come nelle scorse edizioni. L’unico rammarico quest’anno è non aver potuto, per un intoppo burocratico, creare un’area giochi per i più piccoli, con tappeti elastici, scivoli e gonfiabili”.

La fiera di Sant’Alessandro è pronta ad accontentare tutti i gusti, con una proposta che spazia dai prodotti tipici all’abbigliamento, dai bijoux alla biancheria per la casa. “Abbiamo avuto una buona risposta dagli operatori e siamo riusciti a garantire la massima diversificazione e varietà dell’offerta” precisano la Fiva, attraverso le parole del presidente provinciale, e l’Anva, rappresentata dalla vicepresidente Federica Nello.

Va sottolineata inoltre l’anima benefica della manifestazione. “Abbiamo scelto di devolvere parte dei ricavati dalle vendite in beneficenza” precisa Mauro Dolci

© riproduzione riservata