Lunedì 16 Giugno 2014

Bossetti non risponde agli inquirenti

La folla all’uscita grida «Assassino»

Fuori dalla caserma
(Foto by Beppe Bedolis)

Si chiama Silvia Gazzetti l’avvocato di ufficio affidato a Massimo Bossetti, il presunto omicida di Yara Gambirasio.

Il legale nel tardo pomeriggio di lunedì 16, dopo l’interrogatorio di Bossetti, ha detto: «L’accusa è di omicidio, il mio assistito è tranquillo e nega l’addebito. Per il momento si è avvalso della facoltà di non rispondere».

Il pm ha 48 ore dal fermo per chiedere la convalida e il gip ha altrettante 48 ore per confermarla. Poco prima delle 21,30 di lunedì 16 giugno Bossetti è stato trasferito nel carcere di via Gleno: fuori dalla caserma si era nel frattempo formata una piccola folla di persone che ha accolto il piccolo corteo di auto con pesanti insulti all’indirizzo di Bossetti: «Assassino, devi morire». Le forze dell’ordine hanno dovuto tenere a bada le persone, che pochi minuti dopo hanno riservato bel altro trattamento al Pm Letizia Ruggeri e agli inquirenti che hanno seguito il caso, accolti da applausi a scena aperti e incitamenti.

© riproduzione riservata