Domenica 16 Marzo 2014

La piastrina del fante Andrea

consegnata ai parenti dopo 71 anni

La cerimonia a Cerete Basso

Del fante Andrea Gabrieli, soldato della classe 1919 morto in Russia durante la Seconda guerra mondiale, non era stato possibile rintracciare nemmeno una fotografia. Ma la piastrina di riconoscimento è stata recuperata ed è stata riconsegnata ai parenti nel corso di una commovente cerimonia a Cerete Basso domenica 16 marzo.

Presenti i fanti di Clusone, Parre e Villa d’Ogna, associazioni di combattenti e reduci e rappresentanti degli alpini. Dopo la Messa, la piastrina - custodita in una targa realizzata dall’Amministrazione comunale - è stata portata in corteo al monumento dei caduti di Cerete Basso.

La piastrina è stata ritrovata nella zona dell’ex campo di smistamento di Michurinsk nella regione di Tambov, dove evidentemente Andrea l’aveva persa prima di morire il 15 aprile 1943 nel campo «56 Uciostoje», luogo della sepoltura.

La città di Bergamo e la provincia hanno pagato con 2.660 giovani la sventurata campagna di Russia.

© riproduzione riservata