Venerdì 04 Luglio 2014

Pgt, i Comuni stoppano il cemento

Nei prossimi 10 anni solo 2,4% in più

Ormai ben 240 Comuni bergamaschi hanno dato vita al loro primo Piano di governo del territorio (all’appello ne mancano solo quattro, che sono comunque all’opera). È quindi possibile tracciare un primo quadro generale, da cui emerge che il consumo di nuovo suolo ipotizzabile per i prossimi dieci anni si attesta sul 2,4% del territorio.

A tanto ammontano infatti le previsioni di nuove aree di espansione urbanistica previste dai piani, non contando la quota «ereditata» dal passato.

«Un dato bassissimo – sottolinea l’assessore provinciale all’Urbanistica, Enrico Piccinelli –. Si sono dette tante cose, non supportate da fatti: questo invece è un quadro certo, basato sulle carte. In azione combinata con i Comuni si è fatto un lavoro volto allo sviluppo, ma soprattutto alla tutela del territorio, e ne siamo orgogliosi».

Se tutte le previsioni fossero realizzate (il che non è certo scontato: dipenderà da numerosi fattori, inclusi gli sviluppi del mercato e della popolazione), nell’arco di 10 anni il suolo urbanizzato nella nostra provincia raggiungerebbe il 15,7% (pari a circa 40 mila ettari), ma per il 13,3% si tratta dell’esistente o di aree che già erano urbanizzabili per effetto di precedenti pianificazioni (e che comunque sono state ridotte, con una decisa azione di «ripulitura» delle previsioni).

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 4 luglio

© riproduzione riservata