Venerdì 14 Febbraio 2014

Pugno a negoziante in via Mai

Studente arrestato per rapina

Il tribunale di Bergamo

Avrebbe cercato di rubare una camicia di jeans in un negozio di abbigliamento in via Mai, mercoledì 12 febbraio, e quando la titolare cinese è intervenuta per fermarlo l’avrebbe colpita con un pugno.

In manette per tentata rapina impropria è finito C. B., studente diciannovenne di un istituto superiore cittadino, incensurato e residente a Ponte Nossa, che giovedì 13 è stato processato per direttissima.

L’episodio è avvenuto verso le 16 di mercoledì: la titolare del negozio verso quell’ora ha visto entrare due ragazzi di colore che, presi alcuni capi di abbigliamento, invece di raggiungere i camerini di prova si sono diretti in un angolo un po’ nascosto.

La donna si è subito insospettita, e li ha seguiti per chiedere spiegazioni: appena si è avvicinata il diciannovenne, secondo la sua denuncia, avrebbe gettato una camicia di jeans danneggiata dove si trovava la placca anti taccheggio, quindi l’avrebbe affrontata a male parole. Subito dopo avrebbe colpito la titolare con un pugno alla spalla, tanto da provocarle una contusione (guaribile in tre giorni). Lo studente ha patteggiato otto mesi di reclusione, con il beneficio della sospensione condizionale della pena.

© riproduzione riservata