Venerdì 22 Novembre 2013

Sacbo per l’arte ed Expo 2015

Sostegno agli enti organizzatori

Miro Radici, presidente del CdA di Sacbo

Il sostegno a un importante evento promosso dalla Camera di Commercio di Bergamo come tappa di avvicinamento a Expo 2015 e la partecipazione come main sponsor alla prima grande retrospettiva dedicata a Palma il Vecchio, promossa da Università di Bergamo e Fondazione Credito Bergamasco, che sarà ospitata nel Complesso Monumentale di Sant’Agostino da aprile a luglio 2015.

Sono le scelte compiute dal consiglio di amministrazione di Sacbo, che ha individuato le due iniziative di particolare impatto sul territorio, inserite per obiettivi e contenuti nella visione universale del grande appuntamento rappresentato da Expo 2015.

«Sacbo - recita una nota - offre il proprio apporto all’incontro che la Camera di Commercio di Bergamo ha promosso dal 29 al 31 gennaio 2014 , quando al Polo fieristico bergamasco converranno 350 delegati dei 70 Paesi partecipanti ai 9 Cluster tematici sui principali prodotti agroalimentari e sugli aspetti nutrizionali, che rappresentano l’aspetto innovativo dell’Esposizione Universale».

«La scelta di ospitare questo importante evento nella città di Bergamo, in chiave propedeutica al dibattito sul fronte dell’alimentazione e della valorizzazione delle risorse della terra, rappresenta una straordinaria occasione per promuovere il territorio orobico in tutti i suoi aspetti e permette di sottolineare la funzione fondamentale che l’Aeroporto di Orio al Serio si appresta a svolgere in occasione del grande appuntamento del 2015» – afferma l’ing. Miro Radici, presidente di Sacbo.

Di assoluto prestigio il momento espositivo dedicato alle opere di Palma il Vecchio, artista di origini bergamasche inserito tra i grandi interpreti della pittura veneta, che gli organizzatori fanno coincidere significativamente con l’apertura e il richiamo dell’Expo.

Il cda di Sacbo ha apprezzato in modo particolare l’idea di attivare, a contorno della mostra di rilevante spessore culturale, una serie di iniziative originali destinate a coinvolgere studenti universitari e scuole di ogni ordine e grado con l’obiettivo di valorizzare, insieme alle eccellenze paesaggistiche, storiche, architettoniche e culturali, alcune tipicità bergamasche e crearne di nuove, legandole al nome dell’artista.

«La grande retrospettiva di Palma il Vecchio – sottolinea il presidente di Sacbo – è un’occasione straordinaria per rimarcare la simbiosi tra il patrimonio storico-artistico di città e provincia di Bergamo e la vocazione di economia trainante e innovativa che connota un territorio a cui si guarda con interesse crescente come risorsa e scoperta turistica».

© riproduzione riservata