Sentierone, altra saracinesca giù
«Ciao»: tanti saluti, presto si chiude

Anche il Ciao, come il Balzer, se ne va dal Sentierone e dal centro , accentuando la desertificazione della zona più centrale di Bergamo bassa. Da qualche tempo era nell’aria la voce di difficoltà gestionali per il ristorante self service della catena Autogrill.

Sentierone, altra saracinesca giù «Ciao»: tanti saluti, presto si chiude

Anche il Ciao, come il Balzer, se ne va dal Sentierone e dal centro , accentuando la desertificazione della zona più centrale di Bergamo bassa. Da qualche tempo era nell’aria la voce di difficoltà gestionali per il ristorante self service della catena Autogrill, ma solo ieri si è avuta conferma di una chiusura più o meno imminente.

La società Autogrill ha mandato alla Immobiliare Fiera Spa, proprietaria dell’immobile, lettera di disdetta del contratto di locazione che, dopo 18 anni, scadrà il 31 maggio 2015, esattamente come il contratto del Caffè Balzer, disdettato dalla Air Chef, come L’Eco di Bergamo ha riferito nelle scorse settimane.

A rafforzare la convinzione che il Ciao sia destinato alla chiusura potrebbe essere il fatto che proprio ieri alle 15 era programmato un incontro tra la direzione del personale Autogrill e una delegazione sindacale della Fisascat Cisl, guidata da Diego Lorenzi. È arrivata invece una telefonata con cui Autogrill chiedeva il rinvio dell’incontro a venerdì prossimo, alle ore 10.

.

Sulla data di chiusura del Ciao non è possibile alcuna previsione. Resta per ora valida la data del 31 maggio 2015, ma, come sempre in questi casi, l’immobile dovrà essere restituito al proprietario in piena agibilità, quindi la chiusura dovrà essere anticipata per lo svuotamento dei locali.

Per quanto riguarda il Balzer, risulta che la Air Chef sembra intenzionata ad abbassare le saracinesche già entro il mese di ottobre, per non accumulare altri passivi e per avere il tempo di liberare i locali dalle attrezzature. E proprio sul futuro del Balzer, continua la trattativa per la soluzione Menalli, la famiglia che da 25 anni gestisce il Caffè del Tasso e che in seguito ha dato vita alla pasticceria-gelateria del Tasso, sempre in piazza Vecchia e al Caffè Sant’Orsola in via Sant’Orsola.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 27 settembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA