Giovedì 20 Marzo 2014

Stop ai fondi per zaini e quaderni

Dote scuola, le famiglie beffate

Lo Stato taglia i trasferimenti e la Regione è costretta a cancellare il sostegno al reddito per le scuole elementari pubbliche. Una misura che valeva da 60 a 110 euro per i redditi Isee sotto i 15.458 euro e poteva essere usata per l’acquisto di cancelleria o altro materiale scolastico.

L’assessore regionale all’Istruzione, Valentina Aprea, ha spiegato così il provvedimento: «Abbiamo avuto un taglio di 300 milioni nei trasferimenti statali, riduzione che è stata spalmata su tutti gli assessorati, incluso il mio».

Dunque la Regione ha «rimodulato gli interventi», seguendo il principio di «non sovrapporre gli interventi regionali a quelli nazionali» e di «rendere equa ed omogenea la distribuzione dei finanziamenti». Siccome nelle scuole elementari i libri «vengono garantiti a tutti» il Pirellone ha scelto di continuare ad erogare le risorse «per l’acquisto di libri o le dotazioni tecnologiche delle restanti classi dell’istruzione obbligatoria (3 anni di scuola media e 2 anni di superiori)».

Anche perché, aggiunge Aprea, «il sostegno al reddito veniva speso per qualsiasi cosa riguardasse la scuola, anche al di fuori del dettato costituzionale».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 20 marzo

© riproduzione riservata