Mercoledì 20 Novembre 2013

Federmanager Bergamo

Ci sono due donne al vertice

Bambina Colombo, presidente di Federmanager

Nel corso dell’ultima riunione del Direttivo dell’Associazione, tenutasi lo scorso weekend a Desenzano del Garda, Diego Macario ha comunicato e formalizzato le proprie dimissioni da presidente di Federmanager Bergamo.

Preso atto - «con rammarico ma anche con professionale e umana comprensione» - dell’irrevocabile scelta del presidente, l’organismo di rappresentanza dei Dirigenti delle imprese industriali della provincia di Bergamo ha apprezzato la disponibilità, espressa da Macario, di rimanere in Consiglio fino alla fine del mandato 2013-2015.

Il Direttivo ha quindi provveduto alla nomina del nuovo presidente. È risultata eletta Bambina Colombo (che da febbraio era vicepresidente). Il Consiglio ha successivamente dovuto provvedere a una seconda elezione, per designare il vicepresidente.

La scelta è caduta su Silvana Iseni (già componente del Direttivo di Federmanager Bergamo). Dopo il rimpasto, il Consiglio Direttivo di Federmanager Bergamo risulta composto anche da Silvia Gardini (Tesoriere), Mauro Giovanelli (Segretario) oltre che dai consiglieri Pierantonio Bonassi, Pierluigi Gatti, Diego Macario, Davide Orabona, Claudio Pesenti, Giovanni Pezzoli e Roberto Spagnolo.

«La mia - questo il primo commento di Diego Macario - è stata una decisione sofferta. Lasciare, dopo solo nove mesi, la presidenza di Federmanager Bergamo mi è costato molto, anche per la fiducia dimostratami dai miei colleghi del Direttivo che mi hanno eletto a febbraio e coi quali abbiamo iniziato un necessario cammino di rinnovamento dell’Associazione. Desidero ringraziarli per le parole di apprezzamento per quanto fin qui fatto e, soprattutto, per gli incoraggiamenti a non desistere».

«Ma – sottolinea l’ex presidente di Federmanager Bergamo - il crescente carico d’impegni, in Europa oltre che in Italia, richiestomi dalla società per cui lavoro mi ha posto di fronte ad un bivio. Dopo aver valutato che il lavoro mi avrebbe anche portato, sempre più spesso, lontano dalla mia famiglia, che vive in Olanda, ho pensato che fosse arrivato il momento di concludere questa appassionante esperienza. Che proseguirà, comunque, in altre forme, visto che i “miei” consiglieri mi hanno chiesto, e per

questa loro sensibilità li ringrazio infinitamente, di restare nel Direttivo».

«Continuerò il lavoro iniziato insieme a Diego, di cui sono stata vice negli ultimi nove mesi e del quale ho apprezzato, e continuo ad apprezzare, la grande passione e l’entusiasmo nel perseguire una reale trasformazione della nostra Associazione, per renderla più vicina alla realtà dei tanti colleghi che stanno

vivendo un periodo difficilissimo» ha assicurato Bambina Colombo. La neopresidente di Federmanager Bergamo ha poi aggiunto: «Da parte mia proseguirò nel programma messo a punto, in collaborazione con l’intero Direttivo, perseguendo le linee-guida del triennio, già individuate e decise durante l’assemblea annuale dello scorso giugno».

«In particolare - ha proseguito Colombo - continueranno le attività per mettere ma disposizione degli associati strumenti di crescita personale e professionale. Aumenteremo poi gli sforzi per favorire il ricollocamento dei colleghi in servizio e di quelli licenziati. E, infine, cercheremo di fornire ai nostri circa 1500 associati, sempre più occasioni per approfondire i temi assistenziali e previdenziali». «In questo momento così delicato - conclude Colombo - c’è un aspetto particolare che mi infonde fiducia e ottimismo. Pensare, cioè, che Federmanager Bergamo è, quasi certamente, la prima in Italia ad aver mai espresso un vertice per tre/quarti al femminile. Cui si aggiunge la figura della nostra Direttrice, Doriana Girondi Cozzi».

© riproduzione riservata