Martedì 26 Novembre 2013

Lombardia, 12 mila sfratti l’anno

Petteni: si cambi la legge regionale

Uno striscione contro gli sfratti

«Grazie anche alle pressioni dei sindacati, molto del progetto iniziale della giunta sulla riforma delle Aler è cambiato, ma il progetto che il consiglio si appresta ad approvare martedì 26 novembre non convince fino in fondo la Cisl Lombardia, il suo sindacato degli inquilini, Sicet, e le categorie regionali dei pensionati, del pubblico impiego e dell’edilizia, che per sollecitare ulteriori modifiche hanno manifestato davanti al Pirellone, insieme a Cgil e Uil della Lombardia». A comunicarlo è la Cisl lombarda con il suo segretario generale Gigi Petteni in prima fila.

«Il progetto all’esame del consiglio rimanda, senza alcuna certezza, ad atti successivi alla legge di riforma le risposte urgenti sia alle giuste attese degli inquilini per una reale partecipazione e controllo sui costi e la qualità dei servizi, sia a quelle dei lavoratori per la salvaguardia dei livelli occupazionali e il riconoscimento delle loro professionalità - afferma il bergamasco -. La Regione ha creduto negli ultimi anni di risolvere i problemi delle Aler e della mancanza di risorse per il recupero dei quartieri degradati aumentando i canoni e vendendo le case popolari – aggiunge - ma questa politica dell’autofinanziamento, prevista tra l’altro nella legge regionale 27/09 che deve essere modificata, ha fallito, perché molte famiglie non sono state in grado di pagare l’affitto e le spese, e nemmeno hanno potuto comprare l’alloggio».

Secondo il Sicet Lombardia manca nella legge di riforma un progetto credibile di rilancio dell’edilizia pubblica e di ampliamento dell’offerta sociale di alloggi in affitto. «Le situazioni di disagio sono in drastico aumento, a causa della crisi economica e del taglio della spesa statale per le misure di sostegno alle famiglie in difficoltà – sottolinea Pierluigi Rancati, segretario generale Sicet Lombardia -. Basta pensare che ad oggi le domande in attesa di una casa popolare nelle graduatorie comunali sono 54.000 e che ogni anno ci sono in Lombardia 12.000 nuovi sfratti per morosità». «Occorre rilanciare il fondo regionale per l’edilizia pubblica – aggiunge - per costruire nuove case popolari e recuperare patrimonio esistente, per realizzare programmi di manutenzione e di riqualificazione energetica degli alloggi, per garantire alle famiglie in difficoltà canoni e spese sopportabili e alle Aler la sostenibilità della gestione sociale degli alloggi».

© riproduzione riservata