Spuntano i giorni di solidarietà
In casa Ubi riparte la trattativa

Introdotte dal recente accordo in Intesa Sanpaolo, spuntano anche al tavolo Ubi le giornate di solidarietà. E sono uno degli aspetti più delicati attorno ai quali ruoterà il secondo round della trattativa sui tagli prospettati dal gruppo.

Spuntano i giorni di solidarietà In casa Ubi riparte la trattativa

Introdotte dal recente accordo in Intesa Sanpaolo, spuntano anche al tavolo Ubi le giornate di solidarietà. E sono uno degli aspetti più delicati attorno ai quali ruoterà il secondo round della trattativa sui tagli prospettati dal gruppo.

Mercoledì infatti sono iniziati i tempi supplementari del confronto sindacale dopo che la procedura sulle tensioni occupazionali, con risparmi attesi per 115 milioni di euro e tagli equivalenti a 1.578 posti di lavoro, si era chiusa il mese scorso senza un accordo. L'azienda ha portato una nuova proposta.
Dal gruppo dovrebbero uscire 650 persone e il primo passo è la volontarietà.

In seconda battuta, se non si raggiungono i numeri, con una finestra fino al 1° gennaio 2018 tra pensione e accompagnamento e 779 persone che potenzialmente potrebbero accedere a questa soluzione, si parlerebbe di obbligatorietà.

Ma qui c'è un distinguo tra sigle sindacali.

Un altro capitolo riguarda ferie, da godere nell'anno, straordinari, dimezzati rispetto a quest'anno e con l'istituzione della banca ore, ed ex festività, che non verrebbero più pagate se non utilizzate.

Leggi di più su L'Eco in edicola giovedì 22 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA