Giovedì 05 Gennaio 2012

Foppa, un gennaio di fuoco
Ora Chieri e Pavia in tre giorni

Tre giorni, due gare, un quinto posto da cui ripartire. Ecco l'inizio del nuovo anno della Norda Foppapedretti, pronta a partire con destinazione Torino dove venerdì 6, al PalaRuffini, affronterà Chieri dando così inizio al girone di ritorno del campionato italiano.

Le rossoblù sosterranno l'ultima seduta di allenamento al PalaNorda questo pomeriggio, poi la partenza e venerdì mattina la rifinitura sul campo da gioco che ospiterà il match diretto dagli arbitri Zanussi di Lughignano (Tv) e Marchello di Messina con inizio alle 18.

La Norda Foppapedretti dovrà ripartire da dove aveva chiuso il 2011: non solo dal successo da tre punti strappato a Modena, ma dai progressi tecnici, tattici e caratteriali mostrati nell'ultima apparizione al PalaNorda. Le dodici rossoblù dovranno continuare sulla stessa strada, con coraggio e aggressività, per risalire la classifica e prepararsi ai grandi appuntamenti che le attendono nel mese di gennaio.

Subito dopo la trasferta di Chieri, ci sarà un solo giorno per rifiatare: si tornerà infatti in campo già domenica alle 18, a Bergamo, per affrontare la Riso Scotti Pavia. Quindi un appuntamento di fuoco al PalaFacchetti di Treviglio, dove giovedì arriveranno le azere dell'Azerrail Baku: la Norda Foppapedretti dovrà strappare punti alla capolista del girone D per puntare alla qualificazione ai playoff di Champions League.

Il girone di qualificazione prevederà infatti poi un solo altro incontro, a Istanbul, dove il 17 gennaio le bergamasche sfideranno il Vakifbank. Ma gennaio sarà anche il mese della Coppa Italia: martedì 24 tutti a Urbino, dove la Norda Foppapedretti si giocherà la qualificazione alla Final Four del 28 e 29 gennaio in una gara da dentro o fuori contro la Chateau d'Ax.

Insomma, un programma ricco di suspense per i tifosi bergamaschi e un mese ad alta tensione per le dodici stelle rossoblù. Giornate dalla grande carica agonistica che faranno entrare nel vivo la stagione 2011/2012.


m.sanfilippo

© riproduzione riservata