Domenica 14 Ottobre 2012

Vettel vince e sorpassa Alonso
Ora il tedesco è a +6 in classifica

Ed è sorpasso. Sebastian Vettel concretizza la sua straordinaria rimonta e in Corea del Sud balza in testa alla classifica del mondiale di Formula 1, giunto al sedicesimo appuntamento stagionale. Il bi-campione del mondo della Red Bull è adesso a +6 da Fernando Alonso e si lancia verso il terzo titolo.

Il tedesco ne ha recuperati 50 in 5 gare dal Gp d'Ungheria. In questo momento contro questa Red Bull, che riesce a imporre il proprio ritmo agli avversari, c'è ben poco da fare, ma la Ferrari non deve mollare perché se c'è qualcuno che può soffiargli il titolo questo è proprio Fernando Alonso.

Una straordinaria doppietta a Yeongam per la Red Bull con l'australiano Mark Webber al secondo posto. Alonso deve accontentarsi del gradino più basso del podio seguito dal compagno di squadra Felipe Massa che alla fine ha dovuto alzare il piede dall'acceleratore per non superare il compagno di squadra e consentirgli di guadagnare qualche prezioso punto in più.

Bisogna inventarsi qualcosa sul piano aerodinamico per ridurre nuovamente il divario dagli avversari che stanno mostrando di avere una marcia in più. Nonostante il primato perso questa Ferrari, adesso seconda nel mondiale costruttori dopo il sorpasso alla McLaren, dà fiducia, come ha sottolineato lo stesso team principal Stefano Domenicali: le prestazioni sono migliorate e le prossime quattro gare si preannunciano molto interessanti.

La Lotus si conferma terza forza del mondiale con il finlandese Kimi Raikkonen al quinto posto e il compagno di squadra Romain Grosjean, che non ha fatto danni e questa è una notizia, in settima posizione. Tra i due l'ottimo Nico Hulkenberg che conferma quanto di buono sta facendo vedere la Force India che ormai è una scuderia di medio-alto livello. Per il resto vanno a punti i due piloti della Toro Rosso Jean-Eric Vergne e Daniel Ricciardo.

A chiudere la Top ten è Lewis Hamilton, che invece conferma i passi indietro della McLaren. Al pilota britannico non resta che provare di chiudere nel migliore dei modi prima di salutare il team. Sfortunato il suo compagno di squadra jenson Button che si è dovuto arrendere in partenza, all'ormai tradizionale mischia che si verifica puntualmente ai nastro di partenza.

Bella partenza con lotta tra le due Red Bull, Hamilton, Alonso, Massa e la Lotus di Raikkonen. La carambola iniziale questa volta coinvolge Jenson Button, costretto al ritiro così come Rosberg, mentre per la la Sauber di Kobayashi, resposnabile del tamponamento arriva il Drive-Trought. Vettel guida davanti a Webber, Alonso e Massa.

Dopo 13 giri i primi rientri per i pit stop inaugurati da Hamilton. Al 16° passaggio rientra anche Alonso che in uscita riesce a contenere Perez, il messicano commette un errore ed Hamilton ne approfitta sorpassandolo. Posizioni mantenute e giri record di Vettel. Al 24° giro bella battaglia tra Hamilton e Raikkonen con il britannico che fa di tutto per mantenere la posizione.

Intorno al 26° giro Alonso si avvicina alla Red Bull di Mark Webber, mentre Vettel fa gara a parte. L'australiano anticipa il suo secondo pit-stop. Al 35° rientra anche Alonso per montare le soft. Rientra anche Vettel, richiamato ai box dopo un errore in frenata con bloccaggio gomme. Stesse posizioni anche dopo la seconda fermata e non succede nulla di rilevante fino alla bandiera a scacchi.

Sono veramente contento - afferma Vettel -, è stata una gara fantastica, era importante partire bene e così è stato, anche se mi trovato sul lato sporco, ho subito affiancato Mark (Webber, ndr), il rettilineo è lungo, ho usato il kers per difendermi e dopo la terza curva sono riuscito ad andare avanti. Mark era sempre vicino, ho fatto due bellissimi pit-stop, ho commesso solo un errore in tutta la gara, avevamo un certo divario e siamo riusciti a conservarlo. Devo ringraziare tutti i meccanici, hanno lavorato continuamente giorno e notte e abbiamo compiuto un altro passo in avanti, speriamo di continuare nelle prossime gare».

Sul suo nuovo primato in classifica Vettel afferma: «Sarà dura, ma le corse sono così, aspettiamo la prossima. Il campionato è altalenante e molte cose possono ancora accadere, dobbiamo concentrarci su noi stessi e dare il massimo».

Si era presentato al Gp di Corea in testa alla classifica piloti a +4 su Vettel, adesso si trova a -6 dal tedesco della Red Bull. Eppure Alonso riesce a vedere il bicchiere mezzo pieno. «Dobbiamo essere felici della nostra performance - sottolinea lo spagnolo -. Sono arrivato terzo e Massa quarto, subito dietro le due Red Bull che oggi sono difficili da battere. È un buon risultato, abbiamo anche scavalcato la McLaren nel Mondiale costruttori, qualcosa che non ci aspettavamo due o tre gare fa».

Ma per vincere il titolo ci vuole qualcosa di più. «Serve un ultimo step per essere competitivi come le Red Bull e allora potremo vedere quattro belle gare finali», conclude Alonso.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata