Bonaventura resta o parte?
Il tormentone tiene banco

Altro che unire: il futuro di Bonaventura divide. Il sogno di Cigarini - teniamo Jack per un altro anno, farà bene a lui e all'Atalanta - fa discutere gli addetti ai lavori. Non tutti hanno la stessa idea sugli scenari estivi che riguardano il talento marchigiano. Anzi. Vota il sondaggio

Bonaventura resta o parte? Il tormentone tiene banco

Altro che unire: il futuro di Bonaventura divide. Il sogno di Cigarini - teniamo Jack per un altro anno, farà bene a lui e all'Atalanta - fa discutere gli addetti ai lavori. Non tutti hanno la stessa idea sugli scenari estivi che riguardano il talento marchigiano. Anzi.

Vota il sondaggio

Che l'Atalanta abbia nel Dna il compito di crescere i giovani per valorizzarli e poi cederli alle grandi è chiaro a tutti. Ma quale sia il momento giusto per farlo è tutt'altro che chiaro.

Giacomo Bonaventura, 23 anni, a Zingonia da quando ne aveva 15, ha esordito in serie A nell'Atalanta di Gigi Del Neri che aveva 18 anni La società da quel che si è già potuto capire farà il possibile per confermarlo. Il primo a parlarne è stato Pierpaolo Marino alla vigilia della partita di Napoli.

Di parere esattamente opposto è Gigi Del Neri, che Bonaventura l'ha fatto esordire in A: «L'Atalanta ha una sua storia e va rispettata. Bonaventura è pronto, quindi deve andare. Perderebbe motivazioni restando, ed è un rischio per la società».

Vota il sondaggio

Leggi tutto su L'Eco di Bergamo del 26 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA