Venerdì 30 Settembre 2011

Atalanta, continua a stupire
Sabato la trasferta contro la Roma

Atalanta, non fa la stupida stasera. Il primo anticipo stagionale del sabato per la squadra bergamasca si prospetta ostico per tradizione, ambiente e qualità della squadra avversaria. L'Atalanta infatti sarà in campo allo stadio Olimpico di Roma per l'anticipo delle 18, in una sfida che almeno alla vigilia di campionato appariva in discesa per i giallorossi.

Invece l'imprevedibilità del calcio si è mostrata ancora una volta in tutta la sua forma, e non sotto le movenze di «campioni» vestiti di giallorosso, ma sotto i colpi di Denis, dell'intelligenza tattica di Moralez, del palleggio di Cigarini e delle sgroppate di Schelotto, solo per citarne alcuni.

L'Atalanta infatti è partita a spron battuto, come rimarcato dalla stampa nazionale dopo il successo sul Novara. Della Roma invece si deve dire il contrario, ma le scusanti ci sono. Nuova dirigenza, nuovo allenatore, Luis Enrique e il suo calcio stile Barcellona, squadra da cui proviene, e tanti acquisti.

Totti e compagni, dopo l'eliminazione in Europa League in estate, sono partiti piano anche in campionato, con soli 5 punti, uno in più degli uomini di Colantuono partiti da -6. Se a Roma avranno pazienza il progetto di Luis Enrique potrà portare buoni frutti, ma non ora. Proprio per questo Bellini e compagni dovranno essere bravi a sfruttare il momento favorevole, a saper attendere, avere tanta pazienza e lasciare sfogare i romanisti, ancora a secco di vittorie davanti al proprio pubblico, e poi colpire.

Contro i lupacchiotti tornerà in campo dal primo minuto Maxi Moralez. Il giocatore argentino potrà essere l'uomo chiave del match: potrebbe mandare in bambola una difesa che concede sempre qualcosa grazie alla sua capacità di non dare punti di riferimento e inoltre potrebbe farsi sentire in zona gol e come uomo assist per Denis. Se girerà lui lo farà anche la squadra.

Mister Colantuono ha lavorato in settimana su un altro punto di vista: come affrontare il tridente giallorosso. Per questo ha preparato una linea di centrocampo navigata, con Schelotto, il meno esperto dei 4, l'ex Brighi e Cigarini in mezzo e Padoin a sinistra, con l'esclusione di Bonaventura. Il lavoro della linea mediana sarà fondamentale, a maggior ragione quando la Roma spingerà: dovranno essere bravi i due esterni in fase di raddoppio.

Per il resto difesa confermata con Masiello, Manfredini, Capelli e Bellini davanti a Consigli: dopo il gol del 2-1 subìto contro il Novara sulla quale poteva fare decisamente meglio, contro la Roma il buon Andrea è chiamato ad una prestazione di livello, con la speranza che di lavoro ce ne sia poco.

Queste invece le novità degli ultimi giorni in casa Roma. Luis Enrique potrà contare sul ritorno di Stekelenburg tra i pali dopo il bruttissimo incidente di San Siro e di De Rossi in mezzo al campo mentre non ci saranno Juan, Gago, Perrotta e Lamela. Bojan partirà titolare, insieme a Totti e all'ex Osvaldo, portato in Italia proprio dall'Atalanta nella stagione del Colantuono atto primo.

A Bergamo si aspetta, si spera e si sognano tre punti contro una squadra con la quale, per tradizione, tutta 'sta simpatia tra i tifosi non esiste, per usare un eufemismo.

Simone Masper

I due probabili schieramenti
ROMA (4-3-3): 25 Stekelenburg; 87 Rosi, 29 Burdisso, 5 Heinze, 3 Josè Angel; 7 Pizarro, 16 De Rossi, 15 Pjanic; 14 Bojan, 10 Totti, 9 Osvaldo. In panchina: 1 Lobont, 2 Cicinho, 44 Kjaer, 30 Simplicio, 11 Taddei, 22 Borriello, 15 Borini. All. Luis Enrique.
ATALANTA (4-4-1-1): 47 Consigli; 25 Masiello, 4 Capelli, 5 Manfredini, 6 Bellini; 7 Schelotto, 33 Brighi, 21 Cigarini, 22 Padoin; 11 Moralez; 19 Denis. In panchina: 78 Frezzolini, 13 Peluso, 77 Raimondi, 88 Minotti, 10 Bonaventura, 28 Gabbiadini, 90 Tiribocchi. All. Colantuono
Arbitro: Celi di Campobasso (Barbirati-Tonolini/Nasca).
In tv: Sky Calcio 1 e Premium Calcio.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata