Domenica 16 Febbraio 2014

Poker del Parma al Comunale

L’Atalanta crolla dopo lo 0-2

Benalouane si scusa con i tifosi
(Foto by Paolo Magni)

ATALANTA-PARMA 0-4

RETI: 9’ pt Molinaro, 29’ st aut. Benalouane, 32’ st Cassano, 48’ st Schelotto.

ATALANTA (4-4-1-1): Consigli 5,5; Benalouane 5, Stendardo 5,5, Yepes 5,5, Brivio 5,5; Raimondi 5,5 (17’ st Livaja 5,5), Carmona 5,5, Baselli 6 (29’ st Migliaccio sv), Bonaventura 6; Moralez 5 (31’ st De Luca sv); Denis 5. All. Colantuono. In panchina: Sportiello, Nica, Scaloni, Lucchini, Giorgi, Estigarribia, Cazzola, Bentancourt, Kone.

PARMA (4-3-3): Mirante 7; Cassani 6,5, Paletta 6, Lucarelli 6,5, Molinaro 6,5; Acquah 6 (23’ st Marchionni 6), Gargano 6,5 (37’ st Munari sv), Parolo 6,5; Biabiany 6,5, Cassano 6,5, Palladino 6 (24’ st Schelotto 6,5). All. Donadoni. In panchina: Bajza, Coric, Rossini, Galloppa, Gobbi, Mauri, Cerri, Pozzi, Amauri.

Arbitro: Tommasi di Bassano del Grappa 5,5.

Note: spettatori 11 mila circa. Ammoniti Acquah, Molinaro, Parolo, Benalouane, Schelotto e Carmona. Corner 7-5 per l’Atalanta. Recupero 0’+3’

L’Atalanta ha incassato un sonoro sberlone al Comunale dal Parma: clamoroso 0-4 con i bergamaschi che sono affondati dopo l’incredibile autorete di Benalouane al 29’ st. Per i nerazzurri c’era un rigore dopo nemmeno un minuto, ma è un’attenuante superata dalla goleada incassata. In classifica il margine sulla terzultima si è ridotto da 10 a 8 punti (Atalanta 27 e Catania 19).

Ricordate il match contro il Napoli? La grande vittoria favorita però da clamorosi svarioni della difesa partenopea? Stavolta è successo un po’ il contrario con tutti gli episodi chiave negativi per i colori nerazzurri: ricordiamo in ordine sparso un rigore molto evidente negato ai bergamaschi dopo 45 secondi (fallo di mano di Lucarelli su tiro di Raimondi), il primo gol del Parma con deviazione decisiva di Stendardo su conclusione di Molinaro al 9’ st e il 2-0 emiliano determinato da un’autorete di petto di Benalouane al 29’ st.

Se il ko fosse stato con il minimo scarto naturalmente il rigore negato avrebbe avuto una rilevanza maggiore. Così resta un po’ di recriminazione per un risultato che sarebbe potuto cambiare subito in favore dell’Atalanta, ma valutando lo 0-4 non si può negare che il Parma ha dimostrato di essere superiore, più squadra, soprattutto nel gioco d’attacco, e del resto i suoi dodici risultati utili di fila sono eloquenti. Parma che tra andata e ritorno ha rifilato addirittura otto gol ai bergamaschi (al Tardini finì 4-3).

Alla vigilia del match mister Colantuono aveva manifestato la sua preoccupazione perché aveva notato eccessiva calma nell’ambiente. Considerato il risultato aveva ragione, anche se - ripetiamo - una prestazione incolore si è abbinata alla classica giornata storta ed è scaturito il patatrac. C’è da considerare inoltre che il portiere del Parma si è rivelato il migliore in campo salvando il risultato soprattutto nel primo tempo su Moralez (25’ pt 0-1) e nella ripresa su Bonaventura (8’ st, 0-1).

Anche Consigli ha effettuato fior di parate (evitando in primis lo 0-2 al 3’ st su Gargano) e mettendoci una pezza diverse altre volte, ma ha avuto pure lui qualche colpa nel ko incassando un gol su punizione non irresistibile di Cassano (0-3 al 32’ st), mentre sullo 0-2 probabilmente con maggiore reattività avrebbe potuto evitare l’autorete di Benalouane che ha naturalmente responsabilità ben maggiori.

Nell’Atalanta abbiamo salvato soltanto il giovane Baselli e Bonaventura (che comunque può fare molto di più), per il resto insufficienze. I quattro gol dicono tanto della prestazione della difesa, ma anche il duo argentino d’attacco formato da Denis e Moralez non s’è praticamente mai visto. Domenica prossima trasferta a Udine, la speranza è che - crollata di schianto in casa - l’Atalanta possa magari invertire la tendenza stagionale riscattandosi in Friuli.

Marco Sanfilippo

CRONACA

Atalanta e Parma in campo al Comunale di Bergamo per la 5ª giornata del girone di ritorno. Match difficile per i nerazzurri i quanto il team emiliano non perde da undici giornate. I bergamaschi, orfani del regista Cigarini (squalificato), si affidano a Baselli nel cuore del centrocampo e il suo partner è Carmona.

C’era un dubbio nel ruolo di esterno destro di centrocampo e Colantuono ha dato ancora fiducia a Raimondi con Estigarribia in panchina. Per il resto, Yepes ancora centrale in difesa in tandem con Stendardo e Brivio a sinistra. Attacco inamovibile con Denis supportato da Moralez e Bonaventura centrocampista di sinistra. Diversi cambiamenti per mister Donadoni che ha mutato il suo 3-5-2 in un 4-3-3 con tre interpreti diversi: Acquah, Molinaro e Palladino e non Marchionni, Gobbi e Amauri.

Primo tempo

1’: non passa nemmeno un minuto e un tiro di Raimondi è respinto nettamente con la mano in area da Lucarelli, distante qualche metro, ma l’arbitro non decreta il rigore e fa continuare l’azione.

4’: da Baselli a Denis che smarca di tacco Carmona, tentativo ribattuto.

9’ GOL: invenzione sulla destra di Biabiany che crossa, bordata di Molinaro (troppo libero), la palla incrocia lo stinco sinistro di Stendardo e s’infila nell’angolino alla destra di Consigli.

12’: ammonito Acquah.

21’: punizione di Baselli respinta da Mirante.

23’: lungo traversone da sinistra di Bonaventura, Raimondi si coordina ed esplode una bordata di collo destro che è subito contrata da Molinaro, forse un supergol sventato.

25’: punizione dalla trequarti destra, ponte aereo di Denis per Moralez che, a tu per tu con Mirante, colpisce di testa, ma il portiere respinge con una grande parata.

26’: un diagonale rasoterra di Biabiany lambisce il palo alla destra di Consigli.

28’: ammonito Molinaro.

44’: tiro-cross abbastanza insidioso da sinistra di Brivio, Mirante para in due tempi.

45’: niente recupero, fine primo tempo con il risultato di Atalanta-Parma 0-1.

Secondo tempo

1’: nessun cambio in avvio ripresa.

3’: bella azione del Parma, Gargano ha una chance d’oro per raddoppiare solo davanti a Consigli che però con la gamba di richiamo si salva.

7’: ammonito Parolo.

8’: punizione dalla trequarti destra di Moralez, colpo di testa di Bonaventura e splendido intervento di Mirante che devia in corner la palla tirandola via dall’angolino alla sua destra.

10’: cross da destra di Cassani, Yepes sventa la minaccia ergendosi su Biabiany e Consigli.

12’: conclusione sballata di Baselli dal limite dell’area.

14’: intervento in gioco pericoloso di Acquah su Raimondi, il giocatore del Parma era già ammonito, ma l’arbitro non interviene.

17’: entra Livaja per Raimondi.

19’: ancora un tentativo da lontano di Baselli in diagonale, stavolta mira precisa, ma Mirante è attento e neutralizza.

20’: rasoiata di Biabiany da destra, Yepes devia e Consigli deve distendersi sulla sua destra per evitare la seconda beffa.

22’: destro potente di Benalouane dai 25 metri, Mirante ancora protagonista.

23’: entra Marchionni per Acquah.

24’: entra Schelotto (fischiatissimo) per Palladino.

25’: velenoso destro di Marchionni, la palla passa sotto le gambe di due giocatori (Schelotto tocca forse lievemente di tacco) e Consigli deve sfoderare l’ennesima parata decisiva per deviare il pallone in angolo.

29’: entra Migliaccio per l’infortunato Baselli.

29’ GOL: innocuo cross da destra di Cassani, clamorosa autorete di Benalouane che colpisce di petto infilando l’angolino alla destra di Consigli.

31’: entra De Luca per Moralez.

31’: ammonito Benalouane.

32’ GOL: punizione bassa dalla trequarti sinistra di Cassano che sorprende Consigli sulla sua destra.

37’: entra Munari per Gargano.

37’: Parolo sfiora il poker con una sassata da fuori area.

40’: ammonito Schelotto.

43’: una conclusione di Biabiany sibila a fil di palo sulla sinistra di Consigli.

44’: Consigli vola per respingere un violento destro di Parolo da fuori area.

45’: 3’ di recupero.

47’: ammonito Carmona.

48’ GOL: assist rasoterra in verticale di Parolo per Schelotto che brucia in area Yepes e infila Consigli. Schelotto non esulta e chiede scusa ai tifosi atalantini.

49’: fine partita, Atalanta-Parma 0-4.

© riproduzione riservata