Lunedì 13 Gennaio 2014

«Contento per me e German»

Moralez: a Napoli per fare risultato

Maxi Moralez contro ilCatania
(Foto by Magni Paolo Foto)

Sospiro di sollievo, vittoria e un po’ più di tranquillità. I tre punti conquistati contro il Catania hanno il volto di diversi protagonisti in casa Atalanta: dall’esordio di Sportiello, ai box in mattinata per un ascesso, ai gol di Denis e Maxi Moralez. Quest’ultimo sta confermando di essere tornato quello del primo anno in Italia e promette amore alla causa atalantina, dicendo che per tornare a giocare in Argentina di tempo ne ha.

«Sono contento per me e per German, perché quando il gol arriva è una grande gioia, ma sono felice per la squadra, questa vittoria ci voleva - ha affermato l’argentino -. Sono contento perché volevo rimanere qua, giocare e dimostrare che a Bergamo posso dare il mio meglio. Nel calcio non si sa mai, spero di stare qua più a lungo possibile, poi il ritorno in Argentina sarà più avanti. Il gol contro il Chievo è stato più bello, anche perché ci diede la salvezza. Quello di ieri è stato importante perchè finalmente siamo tornati a vincere. Il mio gioco è fatto di assist, quando posso calcio, ma prima cerco di aiutare German e gli altri».

Non è stata una delle più brillanti partite dei nerazzurri, ma tornare a vincere dopo un lungo periodo d’astinenza era la cosa più importante.«È stata una partita brutta, non una delle migliori. Abbiamo giocato contro una squadra che si difendeva con giocatori forti fisicamente ed era difficile, nel secondo tempo abbiamo giocato meglio, ma non abbiamo creato tantissimo. La vittoria è stata giusta perché loro non hanno tirato in porta. Abbiamo portato via al Catania punti importanti: abbiamo chiuso a 21 punti l’andata, la media è buona e speriamo che il ritorno sia ancora migliore per raggiungere il prima possibile la salvezza».

Dalla nebbia di Bergamo al mare di Napoli, mercoledì 15 alle 21 la formazione di Colantuono sarà impegnata negli ottavi di Coppa Italia contro i partenopei. «Giocherà chi ha lo ha fatto meno, ma un giocatore deve essere sempre a disposizione e vuole sempre giocare per vincere: non andremo a Napoli per fare un’ amichevole. Ci aspetta una partita difficile, un avversario importante che lotta per lo scudetto. Speriamo di fare una bella partita, cercheremo fare risultato, missione difficile, ma non impossibile».

Simone Masper

© riproduzione riservata