Mercoledì 30 Novembre 2011

Manfredini: giochiamo con tutti
Dobbiamo migliorare in trasferta

Dopo la beffa subita fuori tempo massimo dal Napoli, l'Atalanta sta già pensando al prossimo impegno di campionato. Domenica 4 dicembre alle 15, la squadra di Colantuono sarà impegnata sul campo del Chievo Verona per un match che mette in palio punti salvezza, nonostante il buon avvio di campionato di entrambe le formazioni.

Thomas Manfredini ha parlato alla stampa, prendendosela un po' con la sfortuna per il finale rocambolesco contro i partenopei.
«Ci è mancato un elemento fondamentale: la fortuna - ha affermato -. Ci sono state tante cause che hanno portato a questo pareggio che si poteva evitare. Abbiamo fatto una grande prestazione. C'è il rammarico per la vittoria mancata: sarebbe stato importante sia per la classifica che per i tifosi, per quello che hanno fatto in ricordo di Yara. Sarebbe stata una festa per tutti: dobbiamo smaltire in fretta la botta. Ci aspetta un match delicato e dobbiamo recuperare tutte le energie. Da difensore preferisco un pareggio senza reti, che uno con gol subiti: mantenere la porta inviolata è fondamentale».

Manfredini ha poi riflettuto sulle cause che hanno portato al pareggio, non considerandolo un problema di concentrazione ne di esperienza. «Non so fino a che punto può essere un problema di concentrazione. Fai fatica a trovare una causa principale: a Siena un rimpallo, con il Napoli purtroppo Bonaventura non è riuscito a salire in tempo perché aveva fatto di tutto per evitare quel cross. Eravamo concentrati al massimo. La squadra giovane manca di esperienza, se invece sei troppo esperto manca l'entusiasmo dei più giovani, dipende da che punto di vista guardi la situazione. Siamo una squadra che ha il giusto mix. Cosa puoi dire a Gabbiadini che entra nel recupero e vuole mettersi in mostra, essendo un ragazzo talentuoso, facendo un cross per un compagno? Non è giusto colpevolizzare nessuno, perché sbagliamo tutti e stiamo facendo un grande campionato».

All'Atalanta qualcosa è mancato, parlando di punti, nelle ultime due partite con i recuperi subiti da Siena e Napoli. Il leader atalantino ha le idee chiare circa i margini di miglioramento del gruppo nerazzurro. «Viste le ultime partite qualche punto manca, anche se a Siena loro non demeritavano, ma conducevamo fino a poco dal termine. Nell'arco del campionato gli episodi si compensano, ma guardando le ultime due partite 4 punti in più sarebbero stati il massimo. Non è facile gestire la partita, e il Napoli ieri sera lo ha dimostrato. Abbiamo dimostrato di dare fastidio anche a qualche squadrone, come l'Inter. Dobbiamo migliorare in trasferta, andiamo in sofferenza spesso e abbiamo concesso troppi gol. Non si può però chiedere la luna tutto d'un tratto. Siamo una squadra importante che se la può giocare a viso aperto contro tutti. Il Chievo è un'ottima squadra. Con il Milan hanno sbagliato l'approccio, ma hanno vinto a Catania. Guardiamo a noi e cerchiamo di limare le piccole imprecisioni che ci sono».

Simone Masper

a.ceresoli

© riproduzione riservata