Travolto da una valanga a Lizzola
È morto l’alpinista 22enne di Scanzo

Le sue condizioni erano troppo gravi: non ce l’ha fatta Nicola Rebussi, il ventiduenne di Scanzo (avrebbe compiuto 23 anni il prossimo novembre, ndr) che lunedì 22 marzo era stato soccorso dal 118 e recuperato sotto la valanga a Lizzola.

Travolto da una valanga a Lizzola È morto l’alpinista 22enne di Scanzo
Nicola Rebussi

Erano troppo gravi le condizioni di Nicola Rebussi, il ventiduenne di Scanzorosciate che lunedì 22 marzo è rimasto travolto da una valanga a Lizzola, durante un’escursione. Il giovane non ce l’ha fatta: il ragazzo, in prognosi riservata all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, è morto mercoledì mattina, 24 marzo.

Quando è stato travolto dalla valanga Nicola era in compagnia di altri due amici, anche loro di Scanzorosciate: stavano salendo da Lizzola verso il passo della Manina, a 1.800 metri di quota. Arrivati a circa una trentina di metri dalla chiesetta situata sul culmine della montagna, il primo dei tre, col suo passaggio, avrebbe involontariamente causato il distacco della neve sotto i propri sci, rimanendone poi travolto. La valanga che si è staccata presentava un fronte di circa 50 metri.

Gli amici che lo seguivano hanno assistito impotenti alla caduta di Nicola, rotolato a valle per circa 200 metri nel canale sottostante, sul versante che dà sulle piane di Lizzola. Per fortuna i due sono riusciti a localizzare l’amico sotto la neve, indirizzando i soccorsi e cercando anche di liberare l’amico, scavando con le mani nella neve.

Il 118 ha inviato sul posto l’elicottero del 118, con a bordo anche un’unità cinofila da valanga del Soccorso alpino: l’équipe è stata sbarcata nel canale dove si trovava il ferito, che era incosciente e in arresto cardiaco. È stato rianimato e portato d’urgenza al Papa Giovanni di Bergamo in codice rosso: qui è deceduto nella mattinata di mercoledì 24 marzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA