Giovedì 05 Giugno 2014

Gli italiani schierati per il D-Day

Fra loro anche alcuni bergamaschi

Elmetti e divise abbandonate in un campo della Normandia

Lungo la passeggiata di Omaha Beach, sulle costa della Bassa Normandia, accanto al monumento ai caduti sventolano le bandiere delle nazioni che presero parte alla epica battaglia del 6 giugno 1944.

Ebbene insieme alle stelle e strisce, alla foglia d’acero canadese, al giallo nero e rosso tedesco non stonerebbe un tricolore. Italiani al D-Day? Sì, c’eravamo anche noi e tra questi sembra anche diversi bergamaschi.

Una verità storica poco conosciuta, finalmente riportata in piena luce grazie alle ricerche del regista Mario Vittorio Quattrina, autore del documentario intitolato appunto «D-Day lo sbarco in Normandia – noi c’eravamo».

«Il mio interesse per la presenza italiana al D-Day è nato in maniera casuale – spiega Quattrina, 57 anni, veronese, documentarista e consulente per la Rai – sapevo di combattenti italo-americani (i nomi sulle croci nei cimiteri francesi sono eloquenti) e di un paio di italiani che erano sbarcati insieme agli inglesi. Così è iniziata una ricerca attraverso gli archivi, sopralluoghi nei luoghi della battaglia, contatti con associazioni di reduci, ma soprattutto raccogliendo le testimonianze di chi era stato protagonista dell’evento. È emerso così che gli italiani in Normandia in quei giorni fatidici erano numerosi. Non esiste una stima precisa ma si valutano dalle 20 mila alle 40 mila presenze, in particolare veneti, trentini, friulani e anche bergamaschi».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 5 giugno

© riproduzione riservata