Lunedì 16 Dicembre 2013

Le canzoni di Jannacci al Donizetti

Concerto a favore dell’Avsi

Enzo Jannacci in una sua esibizione

Tradizionale concerto natalizio dell’Associazione Sant’Agostino a favore della Campagna Tende Avsi: «Quando un musicista ride. Le canzoni di Enzo Jannacci». L’appuntamento è per giovedì 19 dicembre alle ore 21 al Teatro Donizetti.

«Il concerto propone la canzoni di Jannacci, un uomo dal cuore grande e dalla straordinaria capacità di parlare di riso, di pianto, di attesa e di stupore, e con un’irresistibile attrazione per le «persone reali» e per quello che scorgeva dentro i loro occhi – spiega Giulio Galbiati, delegato per Avsi di Bergamo -. Jannacci cantava la domanda, la ferita che c’è nel cuore di ogni uomo: «È nata grande e non si chiude», diceva. E Il Natale getta luce su questa ferita e sul desiderio di sanarla, perché ciò che l’uomo attende e domanda ha un nome: Gesù».

Ad eseguire il concerto la P&M – Pastori & Muto Band che in formazione acustica racconterà la poetica e l’opera di Enzo Jannacci attraverso la re-interpretazione delle sue più belle canzoni, alcune molto conosciute dal grande pubblico, come El purtava i scarp del tennis, Ho visto un re, Veronica, Messico e nuvole, altre meno note ma non meno importanti, come Cosa portavi, bella ragazza, quando gli zingari arrivarono al mare, Chissà se è vero, fino alla splendida Quando un musicista ride, che dà il titolo allo spettacolo, in cui emerge tutta la forza comunicativa e drammatica di uno dei più originali cantautori del panorama musicale italiano.

Il gruppo è composto da Carlo Pastori (Fisarmonica & voce), Walter Muto (Chitarre & voce), Alessandro Galassi (Pianoforte), Giovanni Grandi (Tromba), Alfredo Migliavacca (Trombone), Andrea Bisceglie (Saxofoni & Armoniche), Fabio Besana (Contrabbasso) Ermens Angelon (Batteria). E Con la partecipazione di Maurizio Vitali, amico di Jannaci.

Il ricavato dello spettacolo va a favore della Campagna Tende di Avsi che quest’anno ha a tema “Storie di un nuovo mondo. I progetti Avsi per accogliere, educare, avviare al lavoro”, che quest’anno sostiene quattro dei cento progetti presenti nelle 39 nazioni in cui Avsi opera: in Siria i rifugiati nei campi profughi e la diocesi di Aleppo; in Perù i giovani della periferia di Lima e i coltivatori di cacao dell’Amazzonia; in Kenya la scuola Ottunga a Nairobi; in Ucraina una casa per ragazzi invalidi di Kharkov.

Per informazioni e per l’acquisto dei biglietti è necessario contattare Avsi Bergamo, [email protected] ,cell.348.28.03.83.

© riproduzione riservata