Venerdì 07 Febbraio 2014

Pollo alla diavola e tante lacrime

Masterchef: Rachida se la cava

Rachida Karrati alla trasmissione tv Masterchef

Salva all’ultimo secondo grazie a un pollo alla diavola: Rachida ha superato un’altra puntata di MasterChef. La concorrente marocchina, bergamasca d’adozione e residente a Sorisole, è stata ancora la protagonista indiscussa del talent show culinario di Sky. Per la prima volta è stata scelta fra i tre cuochi migliori e ha ricoperto il ruolo di caposquadra. Ma poi, per colpa di una salsa troppo acida, è arrivata a un passo dall’eliminazione.

Ieri sera la puntata si è aperta con un momento strappalacrime: tutti i partecipanti rimasti in gara hanno ricevuto la lettera di una persona cara - Rachida, dal gran piangere, non riusciva nemmeno a leggere - insieme all’indicazione del proprio piatto forte da cucinare. Ma sarebbe stato troppo facile preparare il proprio cavallo di battaglia: a ogni concorrente viene assegnato il piatto di un avversario. Eleonora affida, altruisticamente, il suo cous cous a Rachida, che è una vera specialista. Il giudice Bruno Barbieri incita Rachida a «Vincere una prova, una buona volta», e lei obbedisce: finisce tra i migliori, insieme a Eleonora e Beatrice, che si aggiudica la prova.

La gara a eliminazione vede protagonista lo chef francese Philippe Léveillé: il compito è produrre un piatto a base di burro e rane. Stavolta Rachida, che ha cucinato di fatto spinaci saltati, finisce tra i peggiori insieme a Federico ed Emma, che viene eliminata per aver lasciato delle ossa nel piatto.

Per la prova in esterna i concorrenti vanno in trasferta a Comacchio. Rachida è capitano di una squadra (Michele l’altro capitano). Si devono preparare il risotto alla comacchiese e un intero menu a base di anguilla. Non mancano i consueti siparietti con Rachida protagonista. La «scossa» di Cracco non è sufficiente, e la squadra rossa di Rachida perde la sfida. Al «pressure test», la prova finale a eliminazione, vanno Rachida, Salvatore, Eleonora e Almo. Il tema sono le salse. Al giudice Joe Bastianich non piace quella di Rachida: «Puoi togliere la pittura di tua macchina con quell’acidità che c’è qui dentro».

La concorrente di Sorisole perde la sfida e finisce al duello finale con Beatrice: venti minuti di tempo per il galletto alla diavola. Il pollo di Rachida è il migliore, lei è salva e Beatrice torna per la seconda volta a casa. La puntata si conclude con una vera perla di saggezza di Rachida: «Chi tifa per me voglio un bene del mondo, chi non tifa per me voglio bene uguale».

© riproduzione riservata