Nel ristorante stellato a New York «con i segreti di nonna Lidia»

Alessandro Cornali Da Almenno San Bartolomeo a 25 anni chef per il due stelle Michelin di Dan Barbe. Da papà Mario al «Collina» a Yannick Alléno a Parigi.

Nel ristorante stellato a New York «con i segreti di nonna Lidia»
Alessandro Cornali, a sinistra, con nonna Lidia e papà Mario

Da Almenno San Bartolomeo ai ristoranti stellati più famosi al mondo. Il passo è stato breve per Alessandro Cornali, che a soli 25 anni sta inanellando grandi successi nel panorama della ristorazione internazionale. Ora per lui è pronta una nuova avventura negli Stati Uniti, vicino a New York, dove entrerà a far parte di una brigata di cucina del due stelle Michelin «Blue Hill at Stone Barns» dello chef Dan Barber. Figlio d’arte (il papà Mario gestisce il ristorante «Collina»), Alessandro cresce in cucina con la nonna Lidia sin da piccolo. Ma la decisione di intraprendere la strada dello chef arriva solo durante l’adolescenza. Dopo aver studiato all’Alberghiero di Nembro, Alessandro Cornali parte per importanti esperienze in importanti cucine stellate. A Parigi diventa allievo di Yannick Alléno, uno dei più importanti chef di Francia con sei stelle Michelin nella sua carriera, che gestisce i ristoranti Pavillon Ledoyen e L’Abysse a Parigi e Le 1947 a Courchevel.

© RIPRODUZIONE RISERVATA