Oratorio, studio e pallone: l’amicizia con Morosini, il salto a Barcellona
Giuseppe Vailati

Oratorio, studio e pallone: l’amicizia con Morosini, il salto a Barcellona

«Mi presento. Mi chiamo Giuseppe Vailati, Beppe per gli amici. Sono di Bergamo, zona stadio, dove ho vissuto fin da bambino. La mia storia è un po’ particolare, forse qualcuno la conoscerà, o perché ha condiviso un tratto di cammino con me o magari per aver letto il mio libro su Piermario Morosini: “Mario, gioca semplice!”». Beppe ha appena compiuto 36 anni, «il tempo passa» dice, e oggi vive a Barcellona. Ma la strada per arrivarci non è stata diritta, anzi. Da bambino, racconta che giocava a pallone all’oratorio di Monterosso, «poi da adolescente nelle giovanili dell’Alzano Virescit, mentre studiavo al liceo Sant’Alessandro di Bergamo, una scuola che mi ha dato molto più di quanto possa comprendere. Dopo la maturità del 2004, mi sono iscritto alla facoltà di Filosofia, alla Cattolica di Milano: furono per me anni di grande sogno ma anche di crisi profonda. Decisi di entrare in seminario, proprio a Bergamo, dove ho avuto la fortuna di crescere spiritualmente, intellettualmente ma soprattutto di stringere grandi amicizie che durano ancora oggi».

Giunto alla quarta teologia, nel 2015, Beppe decise di abbandonare il cammino verso il sacerdozio e imboccare una nuova strada. «Grazie al profondo discernimento, aiutato dalle mie guide di allora, e a un percorso sul Cammino di Santiago de Compostela, lasciai il seminario e presi il largo verso Barcellona. Nella città catalana ho conosciuto la mia fidanzata, María Paula, Mapa per gli amici. Lei colombiana e io italiano, siamo insieme da ormai più di sei anni e il prossimo giugno ci sposeremo. Dove? Proprio qua, a Barcellona, più precisamente nella cripta della Sagrada Familia, simbolo della città e dell’amore». Ma non c’è da preoccuparsi, ci saranno anche due belle feste, una a Bogotà e l’altra a Bergamo».

Con la futura moglie, Maria Paula, di origine colombiana

Con la futura moglie, Maria Paula, di origine colombiana

© RIPRODUZIONE RISERVATA