Grande dolore a Orio per la morte di Sergio. Il ricordo: «Persona gentile, grande tifoso»

Grande dolore a Orio per la morte di Sergio. Il ricordo: «Persona gentile, grande tifoso»

Tutta la comunità di Orio al Serio è scossa per la perdita del cinquantatreenne Sergio Persico, deceduto lunedì mattina 17 maggio sul luogo di lavoro a Spirano. Lascia la moglie e due figlie, di 14 e 7 anni.

«È una tragedia che sconvolge - dice il sindaco Alessandro Colletta - e sono ancora più provato perché lo conoscevo personalmente: partecipava anche attivamente a tutte le attività di aggregazione del paese. È una tragedia già di per sé enorme che è ancora più amplificata dal fatto che nel nostro Comune ci si conosce tutti».

Sergio era originario di Grassobbio e si era trasferito a Orio al Serio nel 2001 insieme alla moglie Samanta Defendi, che comprensibilmente nel pomeriggio di lunedì ha preferito non parlare, chiudendosi nel dolore a casa del padre a Grassobbio, insieme alle due figlie, una di 14 anni e una di 7 anni . «Proprio domenica - raccontano gli amici Roberto e Sandro - aveva festeggiato il compleanno della figlia più piccola. La notizia ci ha scosso, anche perché ci si vedeva spesso. La domenica mattina andavamo insieme in bici in Città Alta e poi le nostre figlie giocano anche a pallavolo insieme».

© RIPRODUZIONE RISERVATA