Badanti a Bergamo e i vaccini non validi in Italia, la Cisl: «Qualche centinaio i casi a rischio

La richiesta dei sindacati: «Semplificare la normativa per le lavoratrici domestiche».

Badanti a Bergamo e i vaccini non validi in Italia, la Cisl: «Qualche centinaio i casi a rischio

«Il rischio e la responsabilità sono ancora tutti sulle spalle degli anziani. Se rinunciano all’assistenza di una badante conosciuta, regolarizzata e vaccinata, è facile che la scelta ricada su una badante in nero, e magari senza qualsiasi percorso vaccinale». Giacomo Meloni, segretario Fnp Cisl di Bergamo segnala come anche in provincia inizino a sollevarsi casi relativi alla vaccinazione con Sputnik o con altre tipologie di vaccino non validate in Europa, e alla conseguente irregolarità di assistenti familiari, soprattutto dell’Est, vaccinate ma non riconosciute dal sistema del Green Pass.

© RIPRODUZIONE RISERVATA