Gori: «Fiero di una città che cresce, corsa per le opere dei fondi Pnrr»

Il sindaco di Bergamo a tutto campo alla conferenza stampa di fine anno: «Interlocuzione col Viminale per cambiare le linee guida sull’immigrazione».

Gori: «Fiero di una città che cresce, corsa per le opere dei fondi Pnrr»
Il sindaco Giorgio Gori e parte della Giunta per gli auguri
(Foto di Bedolis)

Giorgio Gori a tutto campo, per gli auguri natalizi alla stampa. In Aula consiliare, per il distanziamento, sceglie lo «stile Draghi», domanda-risposta. Fiero di «essere l’espressione istituzionale di una comunità così fantastica che ha saputo resistere e rimettersi in cammino» e con gli unici rimpianti legati all’Atalanta (Coppa Italia e Champions League), il sindaco, accompagnato dalla Giunta quasi al completo e dal presidente del Consiglio comunale Ferruccio Rota, fa il bilancio di un anno ancora segnato dal Covid. Con tanto di Capodanno annullato all’ultimo: «È stata una decisione di buonsenso, frutto di una riflessione», difende i tempi della scelta. «È stato un 2021 comunque diverso dal 2020 dal punto di vista sanitario, seppur a fasi alterne. La dimostrazione che la fiducia nei vaccini è ben riposta e che i bergamaschi sono un esempio di responsabilità», dice, invitando a non arretrare nell’immunizzazione, anche dei bambini. Il clima psicologico è comunque ancora all’insegna dell’incertezza, e questo toglie un po’ di smalto al fatto «che Bergamo, da città più colpita dalla pandemia, sia diventata il territorio che più è cresciuto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA