Nuovo catasto, nella Bergamasca caccia a 25mila edifici «fantasma»

Il nuovo catasto Tra gli obiettivi anche quello di far emergere gli immobili abusivi o erroneamente accatastati. In Bergamasca, secondo le stime dell’Agenzia delle Entrate, sarebbero 11mila abitazioni e 14mila unità di altro tipo.

Nuovo catasto, nella Bergamasca caccia a 25mila edifici «fantasma»

Le chiamano «case fantasma», eppure i numeri disegnano un fenomeno decisamente ampio. Ampio, e perciò visibile: sarebbero circa 25.200 le unità immobiliari «fantasma» in provincia di Bergamo, cioè quegli immobili che esistono ma che non vengono indicati nelle dichiarazioni dei redditi, oppure che sono abusivi o «accatastati» erroneamente . Abitazioni, uffici o siti produttivi o commerciali che sfuggono di conseguenza anche alla tassazione. La caccia a questi «immobili fantasma» diventa ora una priorità: se l’eventuale entrata in vigore del nuovo catasto è stata infatti indicata dal 2026 in poi, nell’attesa il governo – dopo settimane di tensioni politiche – ha invece scelto di intensificare le attività per contrastare l’«evasione immobiliare», attraverso nuovi strumenti che si stanno mettendo a punto. Il maggior gettito incamerato da queste nuove politiche, tra l’altro, potrà essere impiegato per ridurre il prelievo sugli immobili regolari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA