• Lunedì 12 Ottobre 2020
  • (0)

Clusone, il ritorno delle campane

Rimosse dal campanile ad inizio agosto, dopo l’intervento di restauro subito in questi due mesi, a Clusone sono tornate le campane. Prima di riprendere il loro posto, però, resteranno per qualche giorno sul sagrato della Basilica di Santa Maria Assunta dove tutti potranno vederle da vicino. Il concerto della Basilica di Clusone è costituito da 12 campane, fuse nel 1925 dalla fonderia d’Adda di Crema. La più grande, il “campanone”, pesa da sola 54 quintali. Più in alto è collocata la “Fanzaga”, fusa nel 1625 dai Fratelli Fanzago, che viene fatta suonare solo in particolari circostanze. Quest’ultima non è stata rimossa, ma comunque pulita, restando nella cuspide del campanile. Le altre sono state smontate per un intervento di restauro completo ad opera di una ditta di Castelli Calepio. Per festeggiare insieme alla comunità, le campane saranno benedette domenica mattina al termine della Messa delle 10.30 mentre sabato pomeriggio alle 16 sarà inaugurata la mostra “Dalla terra al cielo. L’abbraccio dei sacri bronzi”, allestita al Museo della Basilica, promossa dalla parrocchia di Clusone e aperta fino al 6 gennaio. Una gru posizionerà di nuovo le campane sul campanile martedì 13 ottobre, ma torneranno a suonare per la prima volta il 1° novembre, in occasione della solennità dei Santi. Il servizio di Matteo De Sanctis per Bergamo Tv con le immagini di Giuliano Fronzi.

None

Altri articoli
Guarda gli altri video