Lunedì 10 Ottobre 2011

Censimento, sito dell'Istat ko
Lunghe e inutili code in Posta

C'è chi ha già compilato il plico del censimento e che lunedì mattina si è presentato negli uffici delle Poste di Bergamo, in via Brigata Bergamo 1, ma anche in Città Alta, per consegnarlo. Con un'amara sorpresa: il sistema informatico dell'Istat, che già era andato in tilt domenica quando in 500 mila si erano colllegati al sito per la compilazione telematica del questionario, non funzionava, così le Poste non hanno potuto dare l'ok alla ricezione del documento. È un problema dunque del sito dell'Istat e non delle già tanto vituperate Poste.

A segnalare il problema una lettrice, testimone oculare della fila di anziani pronti per la consegna del plico del censimento.
«Prelevano il loro numeretto dalla apposita macchinetta, accanto a un tasto c'è anche l'indicazione "consegna moduli censimento" - scrive la lettrice -. Attendono il loro turno e allo sportello si sentono dire che oggi il sistema informatico non funziona: se vogliono consegnare proprio oggi devono recarsi presso gli uffici comunali. Qualcuno se ne va avendo capito che si potranno riconsegnare da febbraio, qualcuno lamenta l'inutile perdita di tempo, qualcuno chiede ulteriori informazioni allo sportello».

Intanto la fila si allunga: «Sembrerebbe così semplice affiggere un avviso che informa del guasto e dell'impossibilità di consegnare il censimento - commenta la lettrice -. Eppure no, non si può. Ma non è dato sapere perchè non si può evitare che uno arrivi davanti allo sportello per sentirsi dire che oggi non funziona il sistema. Provo a chiedere, e ottengo la risposta: "Non possiamo affiggere l'avviso, per disposizioni superiori"».

Un'assurdità secondo la lettrice, che sottolinea: «Qualcuno è in grado di spiegarmi che cosa vieta l'affissione di un avviso che snellirebbe di molto le procedure ed eviterebbe inutili perdite di tempo per tutti? In particolare per gli efficienti bergamaschi già oggi col loro questionario pronto per essere consegnato?».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata