Sabato 03 Marzo 2012

«Perù ha salvato mio figlio»:
ora il cane è stato avvelenato

La cuccia di Perù a Seriate ora è vuota. Il cane, un meticcio, un giorno ha trovato alcuni bocconi invitanti lì attorno. Li ha mangiati. Erano avvelenati. La proprietaria Daniela Pellati è disperata: suo figlio Massimiliano soffre di crisi epilettiche ed era il grande amico di Perù, con il quale faceva lunghe passeggiate.

Il meticcio senza pedrigree «un paio di volte ha salvato la vita a Massimiliano» racconta mamma Daniela: «Una volta, nel parco del mercato, mio figlio ha avuto una crisi ed è caduto: Perù lo ha vegliato fino a quando non si è rialzato proteggendolo da chi si avvicinava. Una volta ha avvertito una perdita di gas e noi stavamo andando a letto: saremmo morti. Un'altra volta Massimiliano si è sentito male dalla nonna che abita dall'altra parte di Seriate. Perù, da solo, ha attraversato la città ed è arrivato a casa: voleva segnalare che Massimiliano aveva bisogno d'aiuto».

Daniela lunedì mattina è uscita di casa, e ha trovato Perù sdraiato. Lo ha chiamato e lui è balzato sulle zampe «ma c'era qualcosa che non andava. Poi ha cominciato a stare male.

La situazione dei bocconi avvelenati non è nuova. Nella zona il problema si era già posto.

Leggi di più su L'Eco di Bergamo del 3 marzo

r.clemente

© riproduzione riservata