Giovedì 13 Dicembre 2012

Formigoni: «Anche ai cittadini
Trenord dovrà risarcire i danni»

A fronte dei disservizi che si stanno verificando in questi giorni sul servizio ferroviario regionale il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni ha fatto sapere che "Trenord dovrà rimborsare i danni non solo nei confronti della Regione stessa, ma anche dei cittadini".

"Abbiamo già chiesto alla società - ha detto - di fare una propria proposta di rimborso ai pendolari. Noi non staremo certo a guardare e ne verificheremo la congruità".

Formigoni, parlando con i giornalisti a margine della cerimonia di consegna dei Premi per la Pace, il Lavoro e le Donne, ha fatto anche sapere che, sulla base del contratto di servizio firmato, "le performance negative impediscono che nell'anno successivo le tariffe possano aumentare".

Entrando nel merito dell'attuale emergenza, Formigoni ha spiegato che è chiaro che si debba parlare di "sottovalutazione tecnica molto grave della complessità della situazione che si sarebbe venuta a creare con l'introduzione del nuovo software. Situazione che non è stata gestita in maniera adeguata".

Per il presidente lombardo vanno però tenute presenti anche due concause, vale a dire l'apertura di un nuovo contratto di lavoro (e quindi l'entrata in vigore di un mutato modello organizzativo) e il cambio di orario.

"Regione Lombardia - ha spiegato Formigoni - si è subito mobilitata per vedere quello che era necessario fare; in particolare con il presidente Norberto Achille abbiamo immediatamente deciso di far partire un'indagine interna per verificare le responsabilità di quello che è accaduto. E anche un'altra indagine interna è stata aperta per verificare le inadempienze al contratto di servizio che la società ha firmato con Regione Lombardia".

a.ceresoli

© riproduzione riservata