Domenica 01 Giugno 2014

Baggi, il barbiere di Tentorio e Gori

«Li ho visti scompigliati, li aspetto»

Giancarlo Baggi

La corsa per Palazzo Frizzoni si gioca anche dal barbiere. Giancarlo Baggi da oltre vent’anni è il parrucchiere di Franco Tentorio e Giorgio Gori. «Li ho visti un po’ scompigliati in tv prima del voto, li aspetto...» butta lì con il sorriso sornione.

Manco a dirlo e mezz’ora dopo nel suo negozio, in via Masone al civico 4, arriva il candidato sindaco del centrosinistra per una regolatina ai capelli: «A Giorgio piace essere curato e li tiene tagliati spesso, specie d’estate» racconta Baggi. Il sindaco uscente invece non si è ancora visto («È stato qui ad aprile l’ultima volta»), ma forse farà un salto prima del ballottaggio di domenica prossima. «L’ho sentito per telefono per avvertirlo che avrei parlato con il giornale e lui mi ha detto “Mi raccomando, racconta che ho tanti capelli”».

A Tentorio piace scherzare, si sa, e questa volta la battuta ci scappa anche sulla capigliatura, non proprio il suo punto di forza...

Baggi, 49 anni, è uno dei pochi barbieri rimasti in città. «A Bergamo parrucchieri per uomo saremo cinque, sei». Ormai una rarità. Nella sua bottega, che profuma di antico con le poltrone di una volta, passano professionisti e un po’ tutto l’arco politico nostrano, amministratori e politici di centrodestra e centrosinistra. Nomi? Baggi è restio a farne, ne butta lì alcuni. «Buzzanca, Marabini, Grossi, Fusi, Gandi che porta anche il figlioletto...». Barbiere bipartisan insomma.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo dell’1 giugno 2014

© riproduzione riservata