Giovanni XXIII, uomo dell’incontro
Andrea Riccardi alla Fondazione

Papa Roncalli: emigrazione e immigrazione. Di questo si parlerà nell’interessante appuntamento dal titolo «San Giovanni XXIII: l’uomo dell’incontro» promosso dalla Fondazione Papa Giovanni XXIII e dall’Ente Bergamaschi nel mondo sabato 19 luglio in via Arena a Bergamo.

Giovanni XXIII, uomo dell’incontro  Andrea Riccardi alla Fondazione
Andrea Riccardi

Papa Roncalli: emigrazione e immigrazione. Di questo si parlerà nell’interessante appuntamento dal titolo «San Giovanni XXIII: l’uomo dell’incontro» promosso dalla Fondazione Papa Giovanni XXIII insieme all’Ente Bergamaschi nel mondo in programma sabato 19 luglio, alle 10.30, in via Arena 26 a Bergamo.

Nel corso dell’incontro il Prof. Andrea Riccardi - storico, fondatore della Comunità di Sant’Egidio, già ministro per la Cooperazione internazionale e l’Integrazione - affronterà alla presenza del vescovo di Bergamo Mons. Francesco Beschi le tematiche riguardanti l’immigrazione e l’emigrazione nell’esperienza personale e nel magistero di Angelo Giuseppe Roncalli, ora San Giovanni XXIII, figura alla quale Riccardi ha dedicato numerosi studi.

In particolare richiamerà le tappe della vita di Roncalli migrante e i suoi rapporti con gli immigrati nei Balcani, sulle rive del Bosforo e in Grecia, come delegato apostolico, e poi come nunzio apostolico a Parigi dove si adoperò molto per i suoi conterranei e, più in generale, per i lavoratori italiani stabilitisi oltralpe.

Il professor Riccardi, affrontando il pontificato giovanneo, richiamerà l’enciclica “Pacem in terris” che ribadisce il diritto di emigrazione e di immigrazione. Vi si legge infatti: “Ogni essere umano ha il diritto alla libertà di movimento e di dimora nell’interno della comunità politica di cui è cittadino; ed ha pure il diritto, quando legittimi interessi lo consiglino, di immigrare in altre comunità politiche e stabilirsi in esse. Per il fatto che si è cittadini di una determinata comunità politica, nulla perde di contenuto la propria appartenenza, in qualità di membri, alla stessa famiglia umana; e quindi l’appartenenza, in qualità di cittadini, alla comunità mondiale”. Da qui uno sguardo all’attualità con il suo carico di problemi gravissimi che è sotto gli occhi di tutti.

www.fondazionepapagiovannixxiii.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA