La bimba morta durante l’anestesia
«Porterò il caso anche al ministero»

«Mi sembra evidente che i protocolli medici previsti per i bambini qualche falla ce l’hanno altrimenti mia figlia sarebbe ancora viva: ho deciso di portare il nostro caso all’attenzione del ministero della Sanità». Questo l’impegno di Antonio Croce, il padre di Adelaide.

La bimba morta durante l’anestesia «Porterò il caso anche al ministero»
Antonio Croce vuole portare a Roma il caso della morte di sua figlia

«Mi sembra evidente che i protocolli medici previsti per i bambini qualche falla ce l’hanno altrimenti mia figlia sarebbe ancora viva: ho deciso di portare il nostro caso all’attenzione del ministero della Sanità».

Questo l’impegno di Antonio Croce, il padre di Adelaide, la bimba di un anno di Romano morta a causa di un arresto cardiaco dopo essere stata sedata per essere sottoposta a una esofagogastroduodenoscopia.

Tre giorni fa si sono tenuti i funerali della piccola. Giovedì è stato un altro giorno molto duro per Antonio e la moglie Claudia, che hanno iniziato a mettere via i giocattoli della loro bambina. Il papà di Adelaide ha, però, intenzione di fare di tutto affinché la morte della figlia, sulla quale è stata aperta una inchiesta dalla Procura di Cremona (sono indagati tre medici), non risulti vana.

Per questo motivo ha deciso di portare il suo caso su tutti i tavoli istituzionali del campo medico-sanitario a partire dal ministero della Sanità.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 23 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA