Mercoledì 14 Maggio 2014

La futura moschea all’ex macello

«Gargano, e le tradizioni islamiche?»

L’ex macello di Bergamo

«Gargano, in pochi giorni, a forza di voler sempre e solo criticare gli altri ha collezionato una bella serie di magre figure». Lo scrive Simone Paganoni, candidato del Patto Civico a Bergamo. «Realizzare la futura moschea all’ex macello, ma Gargano, e le tradizioni islamiche?».

La lettera

«Leggo, da più parti, che il candidato sindaco Rocco Gargano propone un taglio di 2,7 milioni di cemento rispetto all’attuale Pgt in via di riapprovazione nel 2015. Leggo inoltre che, fra le volumetrie da eliminare, propone anche i 270 mila metri cubi del Fly Park..

Caro Gargano, ma come, proprio tu che bacchetti sempre tutti a destra e a sinistra e incolpi gli altri di non studiare abbastanza, come puoi non esserti accorto che questi volumi sono già stati eliminati (in particolare ben 237 mila metri cubi sui 270 mila originari) dal Consiglio Comunale più di due mesi fa?

Ricordo inoltre, a scanso di equivoci, che i 270.000 metri cubi derivavano dal Prg del 2000 e sono stati poi recepiti dal Pgt adottato perché, allora, legalmente non si poteva fare altrimenti. E, ad ulteriore scanso di equivoci, ricordo anche che Rifondazione era presente all’adozione e votò a favore.

Non solo: durante un recente dibattito, Gargano, ha anche espresso la volontà di insediare la futura moschea nel piazzale della Celadina (il cosiddetto Europan); peccato che, anche in questo caso, il candidato sindaco abbia toppato in pieno per tre motivi:

1° Il luogo da lui indicato è già stato venduto (con voto contrario di noi dell’opposizione) dal Comune a un privato. Gli era forse sfuggito?

2° Se, invece, l’area che Gargano intendeva indicare quale sede per la futura moschea non era quella venduta ma quella occupata dall’ex macello, beh, forse allora prima di fare certe proposte, dovrebbe informarsi sulle tradizioni islamiche...

3° In ogni caso, chi dice che il Comune debba fornire (magari addirittura a sue spese) un’area per un luogo di culto? Noi, veri laici, diciamo che vorremmo luoghi di culto ma in aree private e, magari, recuperando aree dismesse.

Insomma, il nostro Gargano, in pochi giorni, a forza di voler sempre e solo criticare gli altri, ha perso dei pezzi e ha collezionato una bella serie di magre figure».

Simone Paganoni

Candidato di Patto Civico – Lista Bruni

© riproduzione riservata