Venerdì 24 Gennaio 2014

Nona in Europa per il vivaio:

l’assessore Rossi loda l’Atalanta

Cristian Raimondi

«Sono orgoglioso delle politiche giovanili dell’Atalanta, il suo vivaio giovanile sta dando straordinari risultati per tutto il calcio lombardo e non solo, segno concreto che anche a casa nostra possiamo avere bravi campioni, basta saperli far crescere nei nostri club fin da bambini».

Lo ha sottolineato l’assessore regionale allo Sport e Politiche per i giovani Antonio Rossi commentando la notizia che la società bergamasca è tra le prime dieci squadre europee, in nona posizione, come fabbrica di campioni.

STUDIO INTERNAZIONALE - «Uno studio internazionale - ha spiegato Rossi - ha riconosciuto l’ottimo lavoro del club nerazzurro, al fianco di grandi squadre come Barcellona, Real e Bayern, per giocatori cresciuti nel proprio vivaio e in attività nei principali campionati continentali. La Lombardia continua a confermarsi terra di eccellenze e l’Atalanta continua a sfornare grandi campioni, come in passato: da Scirea e Donadoni fino ad arrivare ai giorni nostri con Montolivo e Pazzini».

PENSARE A NOSTRE LEVE - «I campi di Zingonia fanno bene al nostro calcio - ha ricordato Antonio Rossi - in mezzo a continue polemiche e litigi legati all’acquisto di campioni stranieri dobbiamo pensare a valorizzare le nuove leve e dare un sogno calcistico ai nostri ragazzi anche perché, se vogliamo essere competitivi a livello internazionale, dobbiamo avere una rosa rodata e ben preparata».

© riproduzione riservata