Sabato 16 Novembre 2013

Telefonino nascosto in carcere:

sconterà 16 mesi di cella in più

Cella del carcere

In carcere usava un telefonino (nascosto nel calciobalilla dell’area comune) col quale chiamare la fidanzata e altri indagati. La sua sfortuna è che gliel’hanno scoperto il giorno prima del processo. E l’episodio, che di per sé sarebbe configurato come illecito amministrativo, è andato a influire sulla quantificazione della pena.

Alla fine il cellulare gli è costato un anno e 4 mesi in più, perché il comportamento del detenuto, A. L., 37 anni, albanese residente a Castelli Calepio, ha in pratica annullato il riconoscimento delle attenuanti generiche. Il fratello D. L., 27 anni, pure lui domiciliato a Castelli Calepio, che doveva rispondere degli stessi capi di imputazione, se l’è invece cavata con due anni e 10 mesi.

A condannare i due fratelli il giudice Stefano Storto, dopo che nelle scorse settimane il giudice Donatella Nava non aveva accolto la richiesta di patteggiamento a due anni e 10 mesi avanzata per entrambi dall’avvocato Michele Coccia. Se la condanna fosse stata ratificata all’epoca, A. L. si sarebbe risparmiato l’aumento di pena dovuto al cellulare abusivo.

I due fratelli dovevano rispondere di due episodi: il possesso di 100 grammi di cocaina, trovati in casa del ventisettenne e la detenzione di altri 4 grammi di cocaina che erano nell’auto di A. L.

© riproduzione riservata