Martedì 25 Ottobre 2011

L'Atalanta attende l'Inter
Bergamo sogna il colpaccio

Il comunale di Bergamo accende i riflettori per una sfida affascinante. Mercoledì 26 alle 20.45 l'Atalanta ospiterà l'Inter allenata da Ranieri. Formazioni alla mano la sfida sembra indirizzata in un unico verso, anche se la classifica dice ben altro.

La formazione di Colantuono vanta infatti un punto di vantaggio da quella milanese: se si aggiungono i 6 di penalizzazione, Bellini e compagni sarebbero in vantaggio di ben 7 punti. Della partenza della società di patron Moratti se ne parla sempre a lungo sui network nazionali, dall'arrivo di Gasperini, non esattamente una prima scelta, ad un mercato estivo senza vere stelle, ad una difesa a tre imbarazzante fino all'esonero dell'ex genoano dopo la sconfitta di Novara e l'arrivo dell'ex tecnico di Juventus e Roma Claudio Ranieri.

Qualche alto e basso ha contraddistinto le prima partite del nuovo corso interista: dopo la striminzita vittoria con il Chievo ecco la trasferta di Bergamo. Cosa potrà fare l'Atalanta neopromossa, bistrattata nonché distrutta mediaticamente nel corso dell'estate per le note vicende legate al calcioscommesse, contro una grande? Beh, sognare non fa mai male e quindi un colpaccio si può anche tentare.

L'Inter sta recuperando giocatori fondamentali, ma a Bergamo potrebbe subire l'aggressività atalantina. Una difesa tosta e compatta, che lavora insieme al centrocampo per bloccare l'inventiva dell'olandese Sneijder, punto di forza meneghino. Poi toccherà agli esterni volare e provare a fare la differenza: Schelotto contro Nagatomo e l'interessante duello Bonaventura-Maicon potrebbero essere la chiave del match, senza dimenticare che la difesa interista sta facendo acqua da tutte le parti e Denis potrebbe trovarsi a nozze sugli inviti dei laterali nerazzurri, con la variante Maxi Moralez, pronto a creare scompiglio, a patto che dimostri la stessa cattiveria agonistica messa in campo nella ripresa di Parma. Veniamo alle formazioni.

Lunedì sul campo di Zingonia si è allenato solo chi non è sceso in campo a Parma, mentre la rifinitura non ha permesso di capire qualcosa di più essendo a porte chiuse. Cigarini è in dubbio per una botta presa nel match contro la sua ex squadra, mentre Brighi non figura tra i convocati per un vecchio problema che si trascina dal suo arrivo a Bergamo. Sembra che il mister voglia confermare la squadra vincente a Parma, con il solo dubbio circa le condizioni di Cigarini.

Anche in casa Inter Ranieri sembra non voler sentir parlare di turnover: Thiago Motta dovrebbe essere l'unico a rifiatare, mentre Milito prenderà il posto di Pazzini in avanti. Dopo il parmigiano, una bella cotoletta alla milanese. Lasciamo da parte la scaramanzia e proviamo a sognare.

Da troppo tempo manca all'Atalanta una vera soddisfazione contro una grande. Nel 2008/2009 fu proprio il 3-1 contro l'Inter di Mourinho l'ultima gioia nerazzurra degna di nota. La storia insegna che una vittoria contro Juve, Milan o Inter fa salire su un piedistallo marmoreo personaggi noti e meno noti che nel corso della carriera sono transitati dalle parti di Bergamo. Entrare nel libro della storia atalantina, una lezione che mister Colantuono insegnerà ai suoi prima di scendere in campo e affrontare la corazzata milanese.

Simone Masper

I due probabili schieramenti
ATALANTA (4-4-1-1) 47 Consigli; 25 A. Masiello, 4 Capelli, 3 Lucchini, 13 Peluso; 7 Schelotto, 21 Cigarini, 22 Padoin, 10 Bonaventura; 11 M. Moralez; 19 Denis. In panchina: 78 Frezzolini, 6 Bellini, 88 Minotti, 17 Carmona, 89 Marilungo, 29 Gabbiadini, 90 Tiribocchi. All. Colantuono.
INTER (4-3-1-2): 1 Julio Cesar, 13 Maicon, 6 Lucio, 26 Chivu, 55 Nagatomo; 4 Zanetti, 19 Cambiasso 5 Stankovic; 10 Sneijder; 22 Milito, 28 Zarate. In panchina: 12 Castellazzi, 42 Jonathan, 2 Cordoba, 8 Thiago Motta, 20 Obi, 7 Pazzini, 30 Castaignos. All. Ranieri.
Arbitro: Valeri di Roma (Giordano-Ghiandai/Peruzzo).
In tv: Sky Calcio 3 e Premium Calcio 3.

e.roncalli

© riproduzione riservata