Sabato 29 Marzo 2014

Atalanta, «Sei» bellissima

Vittoria record a Bologna

La gioia di De Luca dopo il primo gol al Bologna
(Foto by GIORGIO BENVENUTI)

BOLOGNA-ATALANTA 0-2

RETI: 22’ pt De Luca, 26’ pt Estigarribia.

BOLOGNA (4-4-2): Curci 6; Garics 5,5, Natali 5,5, Antonsson 5,5, Cherubin 5,5, Crespo 5 (1’ st Cristaldo 5), Perez 5 (1’ st Ibson 5,5), Khrin 6, Lazaros Christodoulopoulos 6; Moscardelli 6, Acquafresca 5 (19’ st Bianchi 5,5). All. Ballardini. In panchina: Paponi, Friberg, Mantovani, Pazienza, Stojanovic, Malagoli, Laxalt, Cech, Sorensen.

ATALANTA(4-4-1-1): Consigli 8; Nica 6,5, Lucchini 7, Stendardo 7, Del Grosso 6,5; Estigarribia 8, Baselli 7 (27’ st Cigarini sv), Carmona 7, Bonaventura 6,5 (37’ st Raimondi sv); De Luca 8; Denis 7 (22’ st Livaja 5). All. Colantuono. In panchina: Sportiello, Yepes, Scaloni, Bellini, Migliaccio, Giorgi, Kone, Brienza, Bentancourt.

Arbitro: Valeri di Roma.

Note: spettatori 18 mila circa. Ammoniti Stendardo, Acquafresca, Livaja e Moscardelli. Corner 10-0 per il Bologna. Recupero 1’+3’.

L’Atalanta non si ferma più: i nerazzurri hanno espugnato Bologna prevalendo per 2-0 con due gemme di De Luca (22’ pt) ed Estigarribia (26’ pt) e centrando la loro sesta vittoria consecutiva in serie A. È il record assoluto nella storia del club bergamasco che, in attesa delle partite di domenica e lunedì, vola addirittura a -1 dall’area Europa League. I tifosi sognano.

Vogliamo vedere se c’è ancora qualcuno che si ostina a dire che la qualificazione in Europa sia impresa impossibile per l’Atalanta. È tutto da vedere se i bergamaschi completeranno la clamorosa rimonta, Inter (quinta a +2, sarà di scena lunedì sera a Livorno) e Parma (sesta a +1 con due partite da disputare, curiosamente all’Olimpico, domenica contro la Lazio e nel recupero contro la Roma) restano favorite, ma negare che l’Atalanta sia ormai in lotta per l’Europa è negare l’evidenza.

E l’evidenza dice che l’Atalanta sta attraversando un momento assolutamente storico per i risultati (sei vittorie di fila che includono anche tre vittorie in trasferta e il rendimento esterno era il tallone d’Achille dei bergamaschi) e magico per il gioco (ciò che crea si sta trasformando quasi sempre in gol). E c’è inoltre un briciolo di fortuna che non guasta mai. Ricordiamo la vittoria di San Siro contro l’Inter al 90’ e pensiamo che a Bologna l’Atalanta ha costruito tre limpide palle-gol trasformando le prime due, mentre i felsinei - sia pure inferiori sul piano del gioco e contestati dal pubblico - ne hanno create quasi il doppio ma hanno quasi sempre sbattuto sul muro-Consigli. Ecco perché sarebbe insensato non crederci. Perché l’Inter è stata recentemente battuta e perché il Parma, dopo una serie monstre di 17 risultati utili consecutivi, potrebbe avere una flessione.

Dunque si lotta per l’Europa e già l’essere in lotta è da premio Oscar per Denis e compagni. A prescindere dal verdetto, sarà un campionato da incorniciare per il club presieduto da Percassi. Il sondaggio sull’Europa League non lo riproponiamo perché ormai è assodato che l’Atalanta è in ballo, quello nuovo è relativo alle sei vittorie consecutive e, non per voler influenzare il sondaggio ma perché lo merita davvero, crediamo che il fattore Colantuono sia decisivo nella fantastica volata. È vero che in campo ci vanno i giocatori, ma il mister li carica e li incita in modo pazzesco. E con il suo staff li ha preparati bene anche atleticamente, visto che spruzzano salute da ogni poro.

La partita di Bologna si è decisa praticamente nel primo tempo con due prodezze balistiche nel giro di 5’. Splendido gol di De Luca, straordinario raddoppio di Estigarribia mentre là dietro Consigli ha sfoderato quattro parate super negando all’asfittico Bologna di rientrare nel match. Nella ripresa, l’Atalanta ha controllato il Bologna senza affondare in contropiede e il velleitario forcing felsineo è progressivamente scemato.

Abbiamo già ricordato De Luca, Estigarribia e Consigli, ci vanno loro sul podio nerazzurro. De Luca ed Estigarribia, due new entry tra i titolari, a dimostrazione che la rosa nerazzurra è di valore. Ma tutti i giocatori nerazzurri sono promossi. Tutti meno uno, Livaja. Il croato è entrato al 22’ st (fuori uno stanchissimo ma positivo Denis), ha lottato bene su un paio di palloni, ma al 25’ st è stato ammonito per un tocco maligno rifilato portiere Curci e al 29’ st è stato graziato dall’arbitro perché il suo gomito volutamente largo su Garics nel gioco aereo era perlomeno da ammonizione. Cosa passi per la testa di Livaja è incomprensibile. Ed è un peccato, perché con un Livaja serio e motivato l’Atalanta avrebbe un’arma in più per rincorrere l’Europa.

Marco Sanfilippo

CRONACA

Atalanta in campo a Bologna contro i felsinei nell’anticipo della 12ª giornata di ritorno del campionato di serie A. I nerazzurri rincorrono la sesta vittoria di fila - sarebbe record assoluto per il club - per coltivare il sogno dell’Europa League ( a -4 dal Parma, sesto), mentre il Bologna è ai margini dell’area retrocessione (quartultimo a +2 sul Livorno) e non può concedersi stop a cuor leggero.

Bergamaschi con Nica ed Estigarribia sulla fascia destra, Baselli nel cuore del centrocampo e De Luca ancora a supporto di Denis (c’è sempre Moralez infortunato). Rivoluzione nel Bologna, sia nel modulo (4-4-2 e non 3-5-2), sia nei giocatori: in attacco ci sono Acquafresca e Moscardelli e non Bianchi e Cristaldo.

Primo tempo

3’: ammonito Stendardo che era diffidato e dunque salterà Atalanta-Sassuolo.

5’: punizione di Lazaros parata senza nessun problema da Consigli.

15’: colpo di tacco di Bonaventura per smarcare in area sulla sinistra Denis, ma sul pallone arriva prima il portiere Curci che allontana la minaccia.

18’: ammonito Acquafresca.

22’ GOOOOL: De Luca ruba la sfera a Perez sulla trequarti destra, s’invola verso l’area, sfrutta il lavoro senza palla di Denis per scovare il varco giusto, prende la mira e scocca un sinistro preciso e potente che s’infila nell’angolino alla destra di Curci. Seconda rete di fila per la «Zanzara».

26’ GOOOOL: De Luca, fuori area sulla destra, appoggia lateralmente il pallone in favore di Estigarribia che esplode un formidabile esterno sinistro, un siluro terra-aria, destinato imparabilmente alla destra di Curci. Un supergol, il primo in maglia nerazzurra.

28’: un tentativo da lontano di Lazaros, in azione sulla sinistra, è respinto da Consigli, sul pallone si avventa Crespo, ma Consigli devia - con un tallone - anche questo insidioso tiro in corner.

36’: punizione dalla trequarti destra, Lazaros colpisce di testa in mischia nel cuore dell’area, ma Consigli è ancora attento e devia in corner.

38’: non scatta la trappola del fuorigioco su un lancio da destra, Moscardelli colpisce di testa la sfera che è bloccata da Consigli.

38’: contropiede dell’Atalanta con traversone rasoterra da destra di Estigarribia, la palla - sfiorata da Curci - attraversa quasi tutta l’area, irrompe Bonaventura che, anche perché contrastato da un avversario, non calcia bene e il rasoterra lambisce il palo alla destra di Curci.

45’: 1’ di recupero.

47’: corner da sinistra, spizzata a centroarea di Khrin, il pallone arriva nei pressi del secondo palo, dove si catapulta Acquafresca che, pur infastidito da Del Grosso, calcia in spaccata quasi a colpo sicuro, ma Consigli è ancora tempestivo e devia in corner.

47’: fine primo tempo, Bologna-Atalanta 0-2.

Secondo tempo

1’: entra Ibson per Perez.

1’: entra Cristaldo per Crespo.

1’: una bordata di Ibson è murata provvidenzialmente da Lucchini.

6’: Moscardelli si libera bene in area sulla sinistra di Nica, ma il suo diagonale rasoterra carambola in corner.

19’: entra Bianchi per Acquafresca.

22’: entra Livaja per Denis, Carmona diventa capitano.

25’: ammonito Livaja.

27’: entra Cigarini per Baselli.

29’: Livaja in elevazione rifila una gomitata a Garics e rischia l’espulsione. Non commentiamo...

31’: ci prova Moscardelli da lontano, Consigli stavolta è sorpreso e respinge goffamente, Stendardo spazza l’area.

33’: collo destro di Cristaldo con la palla che sfiora l’incrocio dei pali alla sinistra di Consigli.

35’: girata debole di Bianchi dall’interno dell’area, Consigli si tuffa sulla sua destra e para.

37’: entra Raimondi per Bonaventura.

45’: ammonito Moscardelli.

45’: 3’ di recupero.

48’: fine partita, Bologna-Atalanta 0-2.

© riproduzione riservata