Aziende metalmeccaniche, più corte le soste per l’estate e tante non chiudono

Metalmeccanici Le incognite future su conflitto e Covid ma pure le richieste dei lavoratori, condizionano gli stop. Nieri (Fim-Cisl): «Ordini ok, ma a volte manca personale».

Aziende metalmeccaniche, più corte le soste per l’estate e tante non chiudono
Un operaio

Una situazione ancora di forte incertezza, sia sul fronte del conflitto ucraino che su quello pandemico, con tante incognite legate all’autunno, ha fortemente condizionato le chiusure delle aziende metalmeccaniche per questa estate 2022. Una situazione a macchia di leopardo, monitorata ogni anno dalla Fim-Cisl di Bergamo (nel tabellone a destra la situazione di alcune tra le realtà più rappresentative), che quest’anno può essere riassunto con una parziale diminuzione delle settimane di sosta (anche se non manca chi è in controtendenza), mentre sono in aumento le imprese che decidono proprio di non chiudere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA