«Extrasalone», i simboli di Bergamo all’asta per la mensa del Patronato

Oriocenter, nell’esposizione di design anche penne uniche dal valore artistico e solidale. Ciascuna «Penbyme x Bergamo» sarà acquistabile tramite asta online attiva fino al 30 settembre, dal sito www.penbyme.com/collections/bergamo e il ricavato sarà devoluto a sostegno dei progetti del Patronato San Vincenzo di Bergamo.

«Extrasalone», i simboli di Bergamo all’asta per la mensa del Patronato
L’assessore Guidesi accompagnato da Luca Carminati e Marco Corbani
(Foto di Frau)

All’«Extrasalone», nuovo polo del design nei corridoi dell’Oriocenter, prosegue fino al 30 settembre l’esposizione di oggetti sofisticati, curati nell’estetica e di indiscussa qualità, che in questi giorni ha registrato la visita istituzionale degli assessori regionali Lara Magoni (Turismo, Marketing Territoriale e Moda) e Guido Guidesi (Sviluppo economico). Entrambi hanno plaudito l’iniziativa sottolineandone il valore promozionale e la potenzialità economica. Particolarmente apprezzato anche l’aspetto solidale. Grazie alla partnership con L’Eco di Bergamo, infatti, ha preso forma il progetto «Penbyme x Bergamo», una storia tutta bergamasca, con dieci penne uniche realizzate da artisti per l’Extrasalone come portatrici di storia e testimonianza di rinascita. Una penna, un oggetto unico (nel vero senso della parola) che detiene due brevetti (uno per il design e l’altro per il processo produttivo). Ogni penna è ricavata da un tondino di alluminio attraverso lavorazioni manuali e viene finita con la personalizzazione di due superfici. Tale personalizzazione, che è la vera anima del prodotto, fa di ogni penna un oggetto unico. Ogni oggetto è dunque il risultato di una lavorazione manuale e di una personalizzazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA