La rivoluzione delle Poste, nuovi servizi: dal passaporto ai certificati

Il futuro. Presentato il progetto Polis che cambierà tutti gli uffici postali dei Comuni sotto i 15mila abitanti: tutti i documenti di Pubblica Amministrazione si faranno on line in Posta. I primi due cantieri saranno attivati ad Alzano e Cene.

La rivoluzione delle Poste, nuovi servizi: dal passaporto ai certificati

Da qui al 2026 assisteremo a una «rivoluzione copernicana»: l’idea città-centrica che tutti i servizi per i cittadini debbano essere razionalizzati e accentrati nei grandi poli comunali a danno dei piccoli sta per essere rovesciata da Polis, il nuovo e straordinario – l’ha detto anche il presidente Sergio Mattarella – progetto di Poste. In tutti i Comuni sotto i 15mila abitanti l’ufficio postale si trasformerà nella «casa dei servizi di cittadinanza digitale». In parole più semplici: niente più chilometri e giornate perse per ottenere passaporto, carta d’identità digitale, certificati anagrafici e giudiziari, codice fiscale, visure catastali, autodichiarazioni di smarrimento, Isee, duplicati della patente e tanti altri documenti. Tutto si potrà ottenere in Posta. Una montagna di burocrazia si frantumerà in pochi minuti semplicemente digitando la richiesta su un totem che apparirà negli uffici postali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA