Giovedì 28 Febbraio 2013

I redditi di Palafrizzoni 2011
Tentorio resta il più ricco di tutti

È uno degli appuntamenti più attesi per gli appassionati del gossip: la pubblicazione della «Situazione patrimoniale dei titolari di cariche elettive e direttive del 2011», atto che rientra nell'operazione trasparenza del Comune di Bergamo.

Ma veniamo ai numeri: chi è il più ricco del Consiglio comunale? Lo scettro resta nelle mani di Franco Tentorio, il primo cittadino, che nonostante registri un lieve calo, è il più danaroso: reddito di 609.188 euro, contro i 658.291 del 2010. La donna più ricca di Palafrizzoni è Enrica Foppa Pedretti, assessore alle Attività produttive con un reddito di 219.526 euro, superiore rispetto al 2010 (209.705 euro). Tra chi può vantare redditi cospicui, troviamo alcuni componenti della giunta, ma anche consiglieri dei gruppi di minoranza.

Il vicesindaco Gianfranco Ceci e l'assessore all'Urbanistica Andrea Pezzotta mantengono più o meno i livelli dello scorso anno: Ceci dichiara 222.648 euro (217.131 del 2010) e l'avvocato Pezzotta 213.501 (225.214 del 2010). Tra le minoranze lo scettro da Paperone se lo contendono Sergio Gandi (Pd) con 250.340 euro (240.948 del 2010) ed Enrico Fusi: il consigliere della Lista Bruni, triplica infatti il suo reddito che da 75.432euro sale a 240.525, con un moltiplicare delle voci al capitolo «cariche presso società».

Nella maggioranza due consiglieri si sono visti diminuire il reddito: Maurizio Allegrini, Lega Nord, da 236.363 euro è passato a 176.047 e Marco Fassi, Lista Tentorio, da 236.407 è sceso a 175.843 euro. Tra le quote rosa leghiste ci sono Luciana Frosio Roncalli, che sale leggermente a 137.228 euro (120.612 nel 2010) e Silvia Lanzani, che scende da 150.224 euro a 124.855. Stabili gli assessori Claudia Sartirani (Cultura) e Cristian Invernizzi (Sicurezza): dichiarano la stessa cifra dell'anno scorso (rispettivamente 39.035 e 38.606 euro).

Ad aumentare in modo considerevole è il reddito dell'assessore alle Politiche della Casa Tommaso D'Aloia (classe 1981) che nel 2011 ha dichiarato 64.494 euro (38.607 nel 2010). Aumenta anche Alberto Ribolla, 28 anni, capogruppo Lega Nord a Palafrizzoni: nel 2010 dichiarava 40.994 euro, nel 2011 sale a 52.228.

Tra i redditi minimi Carlo Di Gregorio (Pdl, classe ?85), con 4.680 euro, cento euro in più rispetto al 2010. Il più «povero» è Stefano Zenoni della Lista Bruni (classe 1980), dottorando in Architettura (con borsa di studio esclusa dal reddito) con 4.500 euro (4.740 nel 2010).

Il bollettino - tecnicissimo - oltre a presentare il «quadro riepilogativo Irpef», con deduzioni, detrazioni, oneri e crediti d'imposta, svela le passioni per i motori. Daniele Belotti con la sua auto d'epoca, una «Nsu Prinz», le Cayenne di Luciana Frosio Roncalli e Allegrini o le tre Vespe dell'assessore Pezzotta. Ci sono poi gli aficionados del marchio nazionale: Saltarelli non abbandona la sua Fiat Panda color «Puffo» e Sergio Gandi circola con l'affezionata Fiat Bravo.

C'è chi invece rinnova il parco auto come Cristian Invernizzi che da una «Fiat 500» è passato alla sportiva Bmw120d. Tra cariche e partecipazioni a società resta un punto fisso: il sindaco Tentorio non cambia squadra e si tiene strette le 5 azioni di Atalanta Bergamasca Calcio.

Diana Noris

m.sanfilippo

© riproduzione riservata