Giovedì 27 Marzo 2014

Kiko realizza il sogno americano

Primo negozio negli Stati Uniti

Un negozio Kiko

Dopo 600 punti vendita in Europa, Kiko punta a realizzare il sogno americano e sbarca negli Stati Uniti.

La prima apertura risale alla scorsa settimana: la catena di cosmetici lanciata 17 anni fa dalla famiglia Percassi ha infatti avviato il 20 marzo un nuovo negozio di 105 metri quadrati a Paramus, nel New Jersey, all’interno del Westfield Garden State Plaza, maxi centro commerciale a 30 chilometri da Manhattan dove, tra cinema, ristoranti e negozi di abbigliamento, sono posizionati i brand di cosmetica e benessere più importanti del mercato internazionale. Questo è solo il primo atto dell’espansione americana che continuerà nei prossimi mesi.

«L’apertura del primo store Kiko negli Stati Uniti è un forte motivo di orgoglio in quanto è il frutto di un grande lavoro di squadra, realizzato con passione e determinazione – commenta Antonio Percassi, presidente della Percassi e di Kiko -. La nostra presenza oltreoceano ci fornirà informazioni sempre più importanti per lo sviluppo del brand in uno dei mercati più ampi e stimolanti al mondo. Per noi questa è solo un’altra importante tappa di un processo di internazionalizzazione che porterà il marchio, nei prossimi due anni, ad aprire in mercati ad alto potenziale e in forte crescita, come ad esempio il Brasile, il Medio oriente e la Russia».

Un avvio importante, in previsione di un nuovo sviluppo a Occidente e in Oriente, quindi, dopo che l’azienda di Percassi ha raggiunto i suoi obiettivi di espansione con un’avanzata irresistibile in questi anni, partendo dal mercato domestico, per poi allargarsi rapidamente all’estero. Facendo un po’ di conti, si parla attualmente di 310 negozi aperti ad ogni latitudine dell’Italia e altri 290 distribuiti in 7 Paesi Europei: Spagna, Francia, Portogallo, Gran Bretagna, Germania, Svizzera e Austria, (tutti e 600 sono di proprietà) senza contare l’avvio di un altro canale destinato a diventare sempre più strategico: l’e-commerce.

Così, da poche centinaia, i dipendenti Kiko sono oggi 4.300, con ottimi risultati anche in termini di fatturato: nel 2012 l’azienda lanciata nel 1997 ha raggiunto 351 milioni di euro, toccando nel 2013 418 milioni. Questo mentre continua a implementarsi la rosa di prodotti che la catena cosmetica offre. Con un accattivante slogan: «Be what you want» (siate quello che volete essere, ndr), e tutto questo con una fascia low cost di prodotto. Anzi di prodotti: 1.500 con marchio Kiko tra proposte di cosmetica, cura della pelle e accessori, il 90 per cento del quale realizzato in Italia, con una buona presenza di fornitori bergamaschi. Nel 2012, tra l’altro, Percassi ha acquisito anche il brand Madina su cui il gruppo sta lavorando per presentare un nuovo concept di immagine: nei prossimi mesi sono previste nuove aperture di questo marchio sia a Milano sia nello shopping center di Orio Al Serio.

Fabiana Tinaglia

© riproduzione riservata