Sabato 01 Febbraio 2014

Cola: «Mercato? penso al Napoli»

Cigarini ha febbre, pronto Baselli

Mister Colantuono a Torino
(Foto by Magni)

Conferenza stampa fiume di mister Colantuono che, dopo il silenzio stampa per Torino-Atalanta e la conclusione del calciomercato, ha parlato di molte cose, ma il suo pensiero è orientato su Atalanta-Napoli.

Il tecnico nerazzurro ha ammesso candidamente di non conoscere bene Betancourt, mentre su Estigarribia ha sottolineato che «è un esterno mancino che può giocare anche a destra. È arrivato in Italia con la Juventus, per cui ha sicuramente buone qualità».

Colantuono si è però subito concentrato sul campionato: «Il mercato è ormai finito e tra 24 ore ci attende una partita difficile come quella contro il Napoli. I partenopei ci sono superiori, ma se avremo umiltà penso che ce la giocheremo. Il Napoli farà un mini turnover? È ininfluente visto che ha una rosa ampia e di qualità. Nelle ultime due partite non è stato un Napoli brillantissimo, ma ha nel suo organico giocatori che possono cambiare la situazione in cinque minuti».

Contro l’undici di Benitez, Colantuono dovrà probabilmente rinunciare a Cigarini che stamattina si è svegliato con la febbre ed è rimasto a casa saltando l’allenamento di rifinitura. In caso di forfait ci sarà spazio per Baselli. Per il resto non dovrebbero esserci sorprese e Denis e Moralez ritroveranno la maglie da titolari. Non convocato Livaja che per tutta la settimana non si è allenato per problemi muscolari.

A proposito della decisione di tenere Denis e Moralez in panchina nella trasferta contro il Torino , Colantuono si è tolto un sassolino dalla scarpa: «Per fare un’analisi completa bisognerebbe venire a vedere gli allenamenti, magari sotto la pioggia, e non stare dietro a una scrivania. Se avessi la possibilità di lasciare di nuovo fuori Denis e Moralez lo farei, perché avrebbero bisogno di rifiatare. Soprattutto Denis che ha giocato tutte le partite e non ha saltato un allenamento. Ci si salva con il gruppo e comunque queste decisioni spettano esclusivamente a me».

Colantuono è tornato ancora sulla partita di Torino non senza briciole polemiche: «Ho sentito dire che la vittoria contro il Torino è stata meritata. Mah, il Torino non ha costruito nessuna palla-gol e noi sì, mi stavo addormentando prima che ci fosse l’episodio del primo rigore. Che non commento. Si può sbagliare. Quello che mi ha fatto più arrabbiare è stato il secondo rigore, perché se l’arbitro avesse avuto buon senso non l’avrebbe fischiato. Ci è costato anche un uomo. E inoltre il fallo su Yepes era evidentissimo».

Infine, due parole anche sul discorso salvezza: «Abbiamo 24 punti, siamo in una buona posizione, ma non abbiamo ancora conquistato nulla. C’è quasi tutto il girone di ritorno da giocare e può ancora succedere tutto».

© riproduzione riservata