Domenica 27 Novembre 2011

Cercansi soldi disperatamente
E Palafrizzoni vende le case

Fuori tutto. Palafrizzoni continua nelle svendite di fine stagione. Sperando che qualcuno compri, perché l'aria che tira è davvero pessima. Mercoledì, tanto per farsi del male, la Giunta ha provato a lavorare alle proiezioni dei conti comunali per gli anni a venire. Pare che alla fine le facce degli assessori fossero sul terreo andante.

Per farla breve, o in qualche modo si sbloccano i soldi del Patto di stabilità (un'ottantina di milioni per il Comune) oppure la sola strategia per il futuro è vendere il vendibile. Che sta diventando sempre di meno. E se alla fine, tirando la cinghia ed esercitandosi nella nobile arte dei salti mortali, Palafrizzoni versione Tentorio & co. alla fine ci riuscirà ad arrivare, i problemi saranno tutti per i successori. Di qualsivoglia parte politica. Perché in questo marasma c'è comunque una certezza: prima o poi le cose da vendere finiranno, e allora sì che saranno dolori.

Non è un esercizio da Cassandre, ma il puro e semplice quadro della situazione: certo, potrebbe arrivare una boccata d'ossigeno dalla reintroduzione dell'Ici, ma tacendo del fatto che per il cittadino medio saranno altre mazzate, potrebbe non bastare. Perché alla fine il buco reale non è quello dei Comuni, di gran lunga gli enti più virtuosi del mazzo, ma del sistema Paese intero.

Nell'attesa degli eventi, Palafrizzoni ha messo in vendita altri tre immobili, per un valore complessivo di poco inferiore al milione e 300 mila euro. Sperando che l'asta porti qualche soldino in più. Cominciamo con i 140 metri quadri su due piani al civico 17 di via Salvecchio, Città Alta. Ci sono poi due alloggi con posto auto pertinenziale in via Tasso 103: uno al primo e l'altro al terzo piano, di 70 e 65 metri quadri, pure questi destinati a residenza sociale e quindi interessati da variante. Si chiude questo giro di ruota con l'ex biblioteca di Fontana 16/a: le sue funzioni sono state da tempo trasferite al Centro socio culturale di 4 civici prima, e l'immobile (sempre destinato a servizi e sempre oggetto di variante) si sviluppa su 149 metri quadri con tanto di giardino. Informazioni sul sito internet www.comune.bergamo.it

m.sanfilippo

© riproduzione riservata