Lunedì 16 Dicembre 2013

Modello Bergamo, riunito il Tavolo

Al 1° posto il tema del lavoro

Ercole Galizzi
(Foto by Bedolis)

Nella sede di Confindustria Bergamo si è riunito lunedì il Tavolo del Modello Bergamo a cui hanno partecipato Giuliano Capetti, assessore alla Viabilità e Trasporti, Istruzione, Formazione, Lavoro, Sicurezza sul lavoro e Pari opportunità della Provincia di Bergamo; Ferdinando Piccinini, segretario provinciale Cisl; Giacomo Pessina, segretario provinciale Cgil; Marco Tullio Cicerone, segretario provinciale Uil; Stefano Maroni, Coordinatore di Imprese & Territorio; Ottorino Bettineschi, presidente Ance Bergamo; Ercole Galizzi, presidente di Confindustria Bergamo, insieme al vice presidente Gianluigi Viscardi.

Per la prima volta è stato ospite all’incontro il neo direttore della sede Inps di Bergamo, dott. Angelo D’Ambrosio, che ha conferma la sua volontà a collaborare.

Al primo punto il presidente Ercole Galizzi ha posto il tema del lavoro, che è stato poi ripreso dal segretario provinciale Cisl Ferdinando Piccinini con l’illustrazione del documento sindacale unitario «Occupazione, sviluppo e welfare», con un attento esame delle molte iniziative dedicate al tema dell’occupazione e della formazione per migliorare l’ingresso nel mondo del lavoro. I presenti hanno apprezzato particolarmente questo documento e hanno deciso un ulteriore approfondimento attraverso i contenuti di una ricerca specifica sui temi dell’alternanza e del rapporto scuola-azienda da avviare nei prossimi mesi.

L’assessore Giuliano Capetti ha evidenziato gli interventi avviati a supporto dei settori produttivi soprattutto nel territorio di Treviglio e dell’Isola.

I presenti hanno anche segnalato l’esigenza di individuare procedure più immediate in tema di riqualificazione che, a loro volta, possano agganciare gli incentivi, esistenti o disponibili.

L’assessore Capetti sottolinea anche le attività svolte dalla Provincia nell’ambito della formazione «on the job» e l’attenzione posta dalla Provincia all’occupazione femminile.

Imprese & Territorio, attraverso il coordinatore Stefano Maroni, ha confermato l’interesse del mondo artigiano e della distribuzione ad approfondire l’interazione impresa-lavoro sul modello tedesco.

Per tutte queste ragioni viene previsto, che il prossimo incontro in programma per febbraio 2014, sia interamente dedicato al tema lavoro alla presenza dei rappresentanti della Regione Lombardia, che potrebbe portare importanti contributi sia di coordinamento che di risorse.

Quindi è stato introdotto dal presidente di Ance Bergamo Ottorino Bettineschi il tema dell’edilizia, punto di particolare rilevanza che sarà al centro di successivi approfondimenti alla luce dell’attuale situazione congiunturale.

Il presidente Bettineschi si è soffermato sugli argomenti oggetto di riflessione, focalizzati in particolare sugli interventi per il settore: Fondo Immobiliare, Tavolo regionale, Riusi industriali, riqualificazione del costruito, lavori pubblici ed infrastrutture, difesa del suolo e turismo. È stato ripreso il tema del Covenant of Mayors (Patto dei Sindaci) presentando gli aggiornamenti sull’iniziativa e le prime ricadute sul territorio relative allo stanziamento dei finanziamenti BEI, per un totale di investimenti previsti per circa 1,5 miliardi di euro di opere di migliorie e di efficientamento del patrimonio pubblico degli edifici.

Successivamente i presenti si sono confrontati sul Territorial Review dell’Ocse, argomento introdotto dal Responsabile dell’Ufficio Studi di Confindustria Bergamo Stefano Cofini, che ha fatto il punto sull’aggiornamento dei lavori in corso, illustrando tempi, priorità ed azioni sottolineando l’avvio della raccolta dati e interviste sul territorio da parte di Ocse a partire dal febbraio 2014 e che vedrà i primi risultati a giugno 2014 sulla base della swot analysis, punti di forza e di debolezza, minacce ed opportunità del nostro territorio.

Sono stati inoltre ricordati il tema di Expo 2015, del welfare e della mutualità.

Al termine della riunione è stato fissato il calendario per i prossimi incontri; una prima ipotesi è di organizzare quattro riunioni nell’arco del prossimo anno: in febbraio dedicata al tema del lavoro e, a seguire, nei mesi di aprile, settembre e novembre 2014.

© riproduzione riservata